Covid 19
11 Luglio 2022
11:35

Quarta dose vaccino Covid raccomandata a tutti gli over 60: indicazione di Ema ed Ecdc

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e l’Agenzia europea per i medicinali (Ema) raccomandano di far partire in fretta la somministrazione della quarta dose di vaccino a tutti gli over 60.
A cura di Annalisa Cangemi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La decisione era attesa. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) e l'Agenzia europea per i medicinali (Ema) suggeriscono di prendere in considerazione la seconda dose booster di vaccino Covid-19, la quarta dose, per le persone tra i 60 e i 79 anni e le persone con condizioni mediche che le mettono ad alto rischio di malattie gravi.

"Chiedo agli Stati membri di lanciare immediatamente un secondo richiamo per tutti coloro che hanno più di 60 anni e tutte le persone vulnerabili e esorto tutti coloro che hanno diritto a farsi avanti e vaccinarsi. È così che proteggiamo noi stessi, i nostri cari e le nostre popolazioni vulnerabili", ha scritto in una nota la commissaria Ue alla Salute, Stella Kyriakides. "I nostri vaccini Covid-19 funzionano e offrono buoni livelli di protezione contro malattie gravi e ricoveri in ospedale. Con i casi e i ricoveri in aumento mentre entriamo nel periodo estivo, esorto tutti a vaccinarsi e potenziarsi il prima possibile. Non c'è tempo da perdere", ha aggiunto.

Nel mese di aprile, entrambe le agenzie avevano raccomandato che le persone di età superiore agli 80 anni fossero prese in considerazione per un secondo booster. Le stesse agenzie all'epoca non escludevano che sarebbe stato necessario un nuovo richiamo nelle persone tra i 60 e i 79 anni e nelle persone vulnerabili di qualsiasi età, in caso di recrudescenza dei contagi. "Poiché una nuova ondata è attualmente in corso in Europa, con tassi crescenti di ricoveri ospedalieri e di terapia intensiva, è fondamentale che le autorità sanitarie pubbliche considerino ora le persone tra i 60 e i 79 anni e le persone vulnerabili di qualsiasi età per un secondo booster", spiegano le due agenzie.

"Questi potrebbero essere somministrati almeno quattro mesi dopo il precedente, con particolare attenzione alle persone che hanno ricevuto un booster precedente più di 6 mesi fa. I vaccini attualmente autorizzati continuano ad essere altamente efficaci nel ridurre i ricoveri Covid-19, le malattie gravi e i decessi nel contesto delle varianti emergenti della SARS-CoV-2", si legge ancora nel comunicato.

Per quanto riguarda invece gli under 60, si può aspettare. "Al momento, non ci sono prove chiare a sostegno della somministrazione di una seconda dose di richiamo a persone di età inferiore ai 60 anni che non sono a maggior rischio di malattie gravi. Né ci sono prove chiare a sostegno della somministrazione di un secondo richiamo precoce agli operatori sanitari o a coloro che lavorano in case di cura a lungo termine a meno che non siano ad alto rischio", si legge nella nota congiunta delle due agenzie congiunta.

"Tuttavia, è probabile che i residenti nelle case di cura a lungo termine siano a rischio di malattia grave e dovrebbero essere presi in considerazione per dosi di richiamo in linea con le raccomandazioni nazionali. L'Ecdc e l'Ema hanno invitato le autorità sanitarie pubbliche in tutta l'Ue a pianificare ulteriori richiami durante le stagioni autunnali e invernali per le persone a più alto rischio di malattie gravi, possibilmente combinando le vaccinazioni contro il Covid-19 con quelle contro l'influenza". 

32454 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni