Da lunedì prossimo più della metà delle Regioni italiane potrebbe essere in zona bianca. L'attesa per il nuovo monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità, che arriverà oggi come ogni venerdì, è molto alta in diverse Regioni che sperano di passare nella fascia più chiara, anticipare le riaperture e dire addio al coprifuoco. In ballo ci sono sei Regioni, due delle quali sono le più popolose d'Italia. Per avere l'ufficialità bisognerà attendere le ordinanze che, come di consueto, il ministro Speranza firmerà nel pomeriggio e che entreranno in vigore da lunedì 14 giugno. Per passare in zona bianca è necessario registrare meno di 50 casi settimanali ogni 100mila abitanti per tre settimane di seguito. Alcune Regioni già sono nella fascia più chiara. Parliamo di Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Sardegna, Umbria e Veneto.

Quali Regioni passano in zona bianca da lunedì 14 giugno

Se oggi confermeranno il dato di incidenza settimanale sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia autonoma di Trento potranno passare in zona bianca da lunedì 14 giugno. La conferma arriverà con il monitoraggio dell'Iss, che verificherà che il dato sia ancora sotto la soglia prestabilita. I dati, in generale, stanno calando da settimane e – salvo sorprese dell'ultimo minuto – oggi verrà confermata questa tendenza. L"incidenza del Covid, grazie soprattutto all'andamento della campagna di vaccinazione, sta crollando a livello nazionale.

Quando le altre Regioni lasceranno la zona gialla

Le altre Regioni restano in attesa di poter passare in zona bianca e cambiare regole, cancellando il coprifuoco e anticipando le riaperture spalmate durante l'estate. Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Sicilia, Toscana e Provincia autonoma di Bolzano hanno registrato un'incidenza settimanale sotto la soglia dei 50 casi nel monitoraggio di venerdì scorso per la prima volta: se confermeranno il dato anche oggi e venerdì prossimo, allora potranno passare in zona bianca lunedì 21 giugno. L'unica Regione che resta fuori da questo ragionamento è la Valle d'Aosta, che ancora non è scesa sotto i 50 casi ogni 100mila abitanti. Se dovesse farlo oggi, come è previsto al momento, potrebbe confermale la tendenza venerdì prossimo e il successivo, passando in zona bianca il 28 giugno. Sarebbe l'ultima Regione, per un'Italia tutta bianca.