395 CONDIVISIONI
Covid 19
15 Gennaio 2023
10:23

Pochi soldi per la sanità e carenza personale, Regioni lanciano l’allarme: “Sistema a rischio crac”

Le Regioni chiedono un incontro urgente ai ministeri della Salute e dell’Economia: “La sostenibilità economico-finanziaria dei bilanci sanitari è fortemente compromessa dall’insufficiente livello di finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale”.
A cura di Annalisa Cangemi
395 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le Regioni sono preoccupate per la mancanza di soldi per la sanità e segnalano disservizi per i cittadini. In una lettera gli assessori alla Sanità regionali si rivolgono ai ministri di Salute ed Economia, chiedendo un incontro urgente: "È necessario e indifferibile programmare rapidamente un intervento straordinario e strategico, non di natura meramente emergenziale, in grado di proporre delle soluzioni, prontamente attuabili ed idonee ad affrontare nell'immediato la carenza di personale sanitario e la crisi finanziaria di cui, da ormai tre anni versano i Sistemi Sanitari Regionali". Più che una lettera è un grido d'allarme quello lanciato da Raffaele Donini, assessore alla sanità dell'Emilia-Romagna e coordinatore della commissione salute delle Regioni, in una lettera al ministro della Sanità Orazio Schillaci e al titolare del Mef Giancarlo Giorgetti.

Le cause, secondo Donini, sono da ricercare nell'insufficienza delle risorse disponibili, la carenza di personale, il caro prezzi e l'aumento dei consumi energetici.
"Questa situazione – scrive Donini – determinerà conseguenze catastrofiche per il Servizio Sanitario pubblico. La sostenibilità economico-finanziaria dei bilanci sanitari è fortemente compromessa dall’insufficiente livello di finanziamento del Servizio Sanitario Nazionale, dal mancato finanziamento di una quota rilevante delle spese sostenute per l’attuazione delle misure di contrasto alla pandemia da Covid-19 e per l’attuazione della campagna vaccinale, dal considerevole incremento dei costi energetici sostenuti delle strutture sanitarie e socio assistenziali, pubbliche e private accreditate, dal continuo aumento dei prezzi delle materie prime, dei materiali e dei servizi per effetto dell’andamento inflattivo".

Per quanto riguarda il personale sanitario le carenze "hanno raggiunto un livello di criticità insostenibile e trasversale a molteplici settori e servizi sanitari, con conseguenti disservizi che sono, purtroppo, oggetto delle cronache quotidiane. Questa situazione, peraltro, nei prossimi anni è destinata a peggiorare per effetto del personale dipendente e convenzionato che andrà in quiescenza, la cui consistenza è decisamente superiore a quella delle risorse umane formate che potranno essere impiegate. Non di meno ci preoccupa la pericolosa disaffezione o ‘crisi di vocazione' che sta vivendo il personale afferente il Servizio Sanitario Nazionale in settori estremamente delicati, ma cruciali e strategici per la tenuta del Servizio Sanitario stesso, come quello legato all’emergenza".

395 CONDIVISIONI
32443 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni