2.057 CONDIVISIONI
Coronavirus
9 Marzo 2021
21:48

Palestre e piscine non riapriranno: no della Camera all’emendamento Meloni al decreto Covid

L’Aula della Camera dei deputati ha bocciato l’emendamento al decreto Covid-elezioni presentato da Giorgia Meloni e da Fratelli d’Italia che chiedeva la riapertura di palestre, piscine e scuole di danza. “Chiediamo al governo di prendere in considerazione la riapertura delle palestre, delle piscine e delle scuole di danza, nelle zone bianche e gialle, secondo il rispetto dei protocolli in vigore”, ha affermato Meloni.
A cura di Stefano Rizzuti
2.057 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La Camera dei deputati dice no alla riapertura di palestre e piscine. L’Aula di Montecitorio ha respinto l’emendamento presentato da Fratelli d’Italia al decreto Covid-elezioni per la riapertura di piscine, palestre e scuole di danza. Sono stati 217 i voti contrari, 66 i favorevoli e 160 gli astenuti. L’emendamento era stato presentato a prima firma Giorgia Meloni, presidente di Fdi. A votare a favore non solo i deputati di Fratelli d’Italia, ma anche alcuni di Forza Italia, Cambiamo e Azione.

A spiegare l’emendamento in Aula era stata proprio Giorgia Meloni: “Chiediamo al governo di prendere in considerazione la riapertura delle palestre, delle piscine e delle scuole di danza, nelle zone bianche e gialle, secondo il rispetto dei protocolli in vigore”. La leader di Fdi parla di un “settore allo stremo, un settore messo in ginocchio dal virus”. “Noi – prosegue – abbiamo sempre detto che tutto avrebbe dovuto funzionare così: non una chiusura per settori ma una chiusura determinata dai protocolli in vigore sui quali deve essere la politica a decidere. L'impressione fin qui avuta è che in questi mesi sia stata fatta la scelta più facile, invece che quella più giusta. Chiudere per settori era più facile che scrivere norme e garantire il rispetto di protocolli sui quali doveva essere il governo a prendersi le proprie responsabilità”.

Meloni sottolinea che “non tutte le palestre sono uguali, come non sono uguali tutti i ristoranti e tutti negozi. Tra tutte queste misure irragionevoli, quella che riguarda le palestre, le piscine e le scuole di danza, è di certo tra le più irragionevoli. Come sanno bene le persone che fanno sport, la gran parte delle attività sportive si può svolgere nel pieno rispetto delle norme di prevenzione e sicurezza sanitaria”. Dopo il voto contrario della Camera all’emendamento a commentare sono gli altri deputati firmatari della proposta di modifica: Francesco Lollobrigida, Salvatore Caiata, Maria Teresa Bellucci e Marcello Gemmato. “Dall'esito della votazione – sottolineano – prendiamo atto con rammarico che i voti favorevoli e degli astenuti superano quelli contrari. Se chi si è astenuto avesse votato a favore dell'emendamento, la proposta sarebbe passata”.

2.057 CONDIVISIONI
26053 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni