AGGIORNAMENTO: Ancora un naufragio nel Mediterraneo: un barcone di migranti si è rovesciato al largo della Libia, davanti alla città costiera di Gasr Garabulli. Finora sono stati tratti in salvo 73 superstiti, tra cui ci sono anche donne e bambini, soccorsi e ricondotti a riva. In tutto, prima che il barcone si capovolgesse, c'erano 95 persone persone a bordo. Continuano le ricerche in mare di altri possibili sopravvissuti. Lo ha twittato l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. La tragedia è stato riportata anche sul proprio profilo Twitter dalla Guardia costiera libica, che parla di operazioni di salvataggio in corso e di casi di annegamento.

È terminato poco prima delle 14, senza situazioni critiche, lo sbarco dei circa 100 migranti a bordo della Cigala Fulgosi, nave della Marina militare italiana che qualche giorno fa aveva effettuato un salvataggio. La nave è attraccata dalle 8.42 di oggi al porto di Genova. Ancora in corso le operazioni di identificazione e controllo medico a terra, nel punto sanitario allestito in calata Bettolo. Il Viminale ha fatto sapere che i migranti che non avranno bisogno di essere accompagnati in ospedale per accertamenti, saliranno su due bus diretti in strutture della Cei in attesa di essere definitivamente trasferiti in altri Paesi europei. "Nessun immigrato sarà a carico dei contribuenti italiani. Ringraziamo Cei e gli altri Paesi Europei che ci hanno aiutato a risolvere il problema: grazie al nostro lavoro finalmente l'Italia non è più sola", ha commentato il ministro dell'Interno Matteo Salvini.