AGGIORNAMENTO: La direzione che gestisce il faro ha rimosso lo striscione dei portuali perché "non autorizzato".

Nel porto di Genova stanno per sbarcare i 100 migranti soccorsi dalla nave della Marina militare italiana Cigala Fulcosi. Ad aiutare i militari nelle operazioni di sbarco ci sono volontari e personale della Croce Rossa italiana, oltre che agenti di polizia e ufficiali della Capitaneria di Porto. I migranti erano stati messi in salvo lo scorso giovedì mentre si trovavano in acque internazionali, con la Marina Militare italiana che era intervenuta a seguito della segnalazione effettuata da un ricognitore di una ONG. Complessivamente, a bordo della Cigala fulgosi vi sono 100 naufraghi, fra cui 23 minori e 17 donne. Stando a quanto si apprende, i migranti saranno distribuiti tra in sei stati, tra cui il Vaticano, a eccezione dei minori non accompagnati, che resteranno in Italia, come prevede la legge.

Nel pomeriggio di ieri, dopo aver appreso la notizia dell'imminente arrivo della nave con a bordo i 100 naufraghi, i portuali di Genova hanno voluto mandare un segnale di speranza e accoglienza. Alcuni di loro, infatti, sono saliti sulla Lanterna, simbolo del capoluogo ligure, e hanno appeso uno striscione con la scritta "Benvenuti". Gli stessi portuali, qualche giorno fa, avevano duramente protestato contro l'arrivo di una nave carica di armi (fino a impedirne lo sbarco), con lo slogan "Porti chiusi alle armi, porti aperti ai migranti".

La prefettura di Genova ha nel frattempo disposto le procedure per la prima fase di accoglienza, anche considerando che si tratta solo del secondo sbarco di migranti che avviene a Genova: l'ultimo arrivo era stato registrato nel 2014.