122 CONDIVISIONI
8 Marzo 2022
17:51

M5S contro il Tribunale di Napoli: “Non può fermare il nuovo corso, gli iscritti vogliono Conte”

Dopo la decisione di stamattina del Tribunale di Napoli, che ha respinto l’istanza grillina per revocare la sospensione dello Statuto, i vertici rispondono che Conte verrà riabilitato comunque.
A cura di Giacomo Andreoli
122 CONDIVISIONI

Il Movimento 5 stelle risponde alla decisione del Tribunale di Napoli, che stamattina ha respinto l'istanza grillina per revocare l'ordinanza che aveva sospeso lo Statuto e la nomina dell'ex premier come leader grillino. In una lunga nota i vertici scrivono di "prendere atto della decisione", ma che quest'ultima "non può fermare il nuovo corso del Movimento 5 stelle".

La scelta dei giudici campani, secondo il M5s, "non cancella la volontà politica che i nostri elettori hanno espresso lo scorso agosto in maniera plebiscitaria, quando hanno approvato il nuovo Statuto e indicato Giuseppe Conte come presidente del Movimento". Secondo la dirigenza grillina, quindi, il Tribunale avrebbe scelto un'interpretazione "restrittiva" della possibilità di revocare il provvedimento cautelare già emesso, che però "non mette in discussione l'esistenza e la regolarità del Regolamento del 2018".

Si tratta del regolamento adottato dal Comitato di Garanzia l’8 novembre 2018, che prevede l'esclusione dalla votazione degli iscritti con meno di sei mesi. Lo scorso 7 febbraio, invece, il Tribunale di Napoli aveva sospeso il nuovo Statuto grillino votato in estate per eleggere Conte, giustificando la mossa con una serie di presunti vizi procedurali, primo tra tutti proprio l'esclusione dalla votazione di tutti coloro che si sono iscritti da meno di sei mesi.

Ora i vertici del Movimento si dicono pronti a "procedere alle votazioni già prefissate per il 10 e 11 marzo per l'approvazione dello Statuto", con le modifiche suggerite dalla Commissione di garanzia degli statuti dei partiti politici. Le votazioni si terranno sulla piattaforma telematica SkyVote, con l'obiettivo di "forzare la mano" e riabilitare Conte, prima dell'udienza di merito fissata dal Tribunale per il prossimo 5 aprile.

"Al termine di questa votazione– si legge ancora nella nota- il Movimento 5 Stelle potrà continuare a mettere in campo pienamente la sua azione, guardando alle numerose sfide che lo attendono nei prossimi mesi".

122 CONDIVISIONI
Il Tribunale di Napoli rigetta il ricorso degli attivisti Cinque Stelle: Giuseppe Conte resta leader
Il Tribunale di Napoli rigetta il ricorso degli attivisti Cinque Stelle: Giuseppe Conte resta leader
Letta, schiaffo al M5S:
Letta, schiaffo al M5S: "Non sarà della coalizione". Conte replica: "Siamo noi i veri progressisti"
Conte strappa, il M5s non vota il decreto Aiuti. È crisi, Lega:
Conte strappa, il M5s non vota il decreto Aiuti. È crisi, Lega: "Cade la maggioranza"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni