26 Novembre 2021
19:44

Le categorie per cui il vaccino è obbligatorio avranno accesso diretto agli hub senza prenotazione

È quanto stabilito da una nuova circolare del commissario straordinario per l’emergenza, il generale Francesco Figliuolo: si chiede alle Regioni di “garantire per le categorie per le quali la vaccinazione è obbligatoria l’opzione di accesso diretto agli hub vaccinali senza prenotazione e predisporre, ove possibile, linee dedicate, sia per il ciclo primario sia per i richiami”.
A cura di Annalisa Girardi

Nessuna fila agli hub o prenotazione se il vaccino è obbligatorio. È quanto stabilito da una nuova circolare del commissario straordinario per l'emergenza, il generale Francesco Figliuolo. Il governo, con il nuovo decreto sulle restrizioni anti Covid per tenere sotto controllo la quarta ondata di contagi, ha allargato le categorie per cui sussiste l'obbligo vaccinale. Se prima questo era previsto solo per i sanitari e per il personale delle Rsa, ora anche insegnanti e personale amministrativo della scuola, militari, forze di polizia, soccorso pubblico e comparto amministrativo della sanità dovranno fare obbligatoriamente il vaccino.

L'obbligo scatterà dal 15 dicembre: tuttavia, per chi la vaccinazione è obbligatoria non dovrà fare la fila o prenotarsi, ma avrà accesso diretto all'hub vaccinale. Nella circolare del generale Figliuolo, pubblicata da Quotidiano Sanità, si legge che le priorità per la somministrazione delle terze dosi va alle "fasce di popolazione più vulnerabili rispetto alle forme gravi di Covid-19 per età o elevata fragilità", alle "categorie per le quali la vaccinazione è obbligatoria" e alle "categorie per le quali la vaccinazione è fortemente raccomandata, in particolari familiari e caregiver di soggetti estremamente vulnerabili". Ma non solo. Il documento poi prosegue affermando la necessità di "garantire per le categorie per le quali la vaccinazione è obbligatoria l'opzione di accesso diretto agli hub vaccinali senza prenotazione e predisporre, ove possibile, linee dedicate, sia per il ciclo primario sia per i richiami".

E ancora: "Per tali categorie si autorizza sin d'ora la somministrazione dei richiami a partire dai 18 anni di età, fatto salvo il vincolo temporale dei 5 mesi dalla conclusione del ciclo primario". Infine, si invitano le Regioni a ricorrere sistematicamente alla chiamata attiva per la prenotazione delle terze dosi, ad utilizzare in modo bilanciato entrambi i vaccini a mRna a disposizione e a rafforzare la capillarizzazione delle somministrazioni impiegando sia i medici di medicina generale, sia i farmacisti e i team mobili sanitari della difesa.

Puzzer si candida con Italexit di Paragone:
Puzzer si candida con Italexit di Paragone: "Contro vaccino, Green Pass e invio armi in Ucraina"
Quarta dose, un hub ogni 50mila abitanti e 100mila vaccini al giorno: le linee guida alle Regioni
Quarta dose, un hub ogni 50mila abitanti e 100mila vaccini al giorno: le linee guida alle Regioni
Quarta dose di vaccino Covid, come prenotare regione per regione
Quarta dose di vaccino Covid, come prenotare regione per regione
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni