187 CONDIVISIONI
Covid 19
4 Aprile 2022
13:51

La Commissione europea deciderà questa settimana sulla quarta dose di vaccino: le ipotesi sul tavolo

Prima di prendere una decisione in merito alla quarta dose di vaccino anti Covid il governo starebbe aspettando le istruzioni in arrivo dall’Ue: non è ancora chiaro a partire da quale età Bruxelles raccomanderà la quarta dose.
A cura di Annalisa Girardi
187 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La Commissione europea deciderà questa settimana su che indicazioni dare agli Stati membri per la quarta dose di vaccino. Lo aveva annunciato nel fine settimana il ministro della Salute, Roberto Speranza, e ora fonti del ministero confermano a Fanpage.it che prima di prendere una decisione il governo starebbe aspettando le istruzioni in arrivo da Bruxelles: a livello europeo si starebbe ancora valutando sull'età dalla quale raccomandare la quarta dose di vaccino anti Covid, presumibilmente da 70 o 80 anni. Una decisione, ad ogni modo, sarà presa nei prossimi giorni.

Nessun Paese starebbe pensando alla quarta dose per tutti, al momento, ma per il governo è comunque importante definire una stessa età a livello europeo da cui partire per questo ulteriore richiamo del vaccino. "Le indicazioni ci dicono che bisogna fare la quarta dose agli anziani: quanto all'età dovrebbe essere uniformata in tutta Europa come ha detto il ministro Speranza", ha ribadito il sottosegretario alla Salute Andrea Costa a margine di una visita in un ospedale di Nuoro. "L'obiettivo finale, e la scienza sta lavorando a questo, è quello di arrivare a un unico vaccino annuale: un vaccino anti Covid e antinfluenzale insieme". Fino a quel momento, però, bisogna stabilire anche in vista di possibili nuove ondate il prossimo autunno a chi somministrare la quarta dose.

"Credo sia opportuna, oltre che per i soggetti fragili e vulnerabili di qualsiasi età, per chiunque abbia più di 80 anni. E sarebbe auspicabile che in Europa si operasse una scelta unica e condivisa in merito, evitando che ogni Paese stabilisca età diverse", ha detto oggi in un'intervista con il Corriere della Sera anche il professor Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Istituto Humanitas di Milano. E non è il caso di aspettare l'autunno, ha aggiunto, sottolineando che non solo dovremmo arrivare preparati con la campagna di vaccinazione contro il Covid, ma che sarà importante anche spingere maggiormente per quella antinfluenzale.

187 CONDIVISIONI
31643 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni