675 CONDIVISIONI
9 Ottobre 2021
09:06

Green pass obbligatorio sul lavoro, perché migliaia di persone rischieranno il posto secondo Zaia

Il presidente del Veneto esprime tutta la sua preoccupazione a meno di una settimana dall’entrata in vigore del green pass sul posto di lavoro. Secondo Zaia si rischia di danneggiare le imprese e i lavoratori, visto che le Regioni – la sua in primis – non sono in grado al momento di garantire il tampone ogni due giorni ai lavoratori non vaccinati.
A cura di Tommaso Coluzzi
675 CONDIVISIONI

Il green pass obbligatorio sul posto di lavoro sta per entrare in vigore in tutta Italia. A partire dal 15 ottobre tutti i lavoratori dovranno avere la certificazione verde per accedere fisicamente al loro impiego, ma a meno di una settimana dalla partenza non si placano le voci contrarie alla misura. È il turno di Luca Zaia, governatore del Veneto ed esponente simbolo della Lega, che in un'intervista a Repubblica si dice molto preoccupato per quello che accadrà nella sua Regione soprattutto, ma anche nel resto del Paese. Il punto, secondo il presidente veneto, è che le Regioni – la sua in primis – non sono in grado di garantire la possibilità di fare il tampone ogni due giorni a tutti i lavoratori non vaccinati. Quindi "scoppierà il caos", prevede Zaia.

Il problema non è più il lavoro, secondo il governatore, perché "le aziende scoppiano di salute", ma un po' di sano pragmatismo: "Non difendo affatto chi non si vaccina", ma dei 590mila in età da lavoro che mancano all'appello "gran parte non si vaccinerà mai". Testarli tutti ogni due giorni, però, è praticamente impossibile secondo Zaia, che fa una controproposta al governo: "Consentire di fare i test fai da te nelle aziende, con la sorveglianza delle imprese". Il governatore parla dei "tamponi nasali", che "sono certificati e diffusi in tutto il mondo", con "controllo direttamente in azienda".

Il costo è ancora a carico dei lavoratori, anche se, secondo Zaia, "molti imprenditori pagherebbero pur di non perdere il lavoratore". Quella del governatore del Veneto, però, non è una difesa dei no vax: "Cosa faranno questi 590mila senza protezione? Resteranno senza lavoro?", chiede Zaia. Bisogna "fare in modo che le scelte del governo siano applicabili nella vita reale". L'alternativa tampone, insomma, deve essere percorribile.

675 CONDIVISIONI
Green pass obbligatorio sul lavoro è legge, via libera della Camera al decreto dopo la fiducia
Green pass obbligatorio sul lavoro è legge, via libera della Camera al decreto dopo la fiducia
Il Green Pass diventa obbligatorio negli alberghi: cosa cambia con il nuovo decreto per gli hotel
Il Green Pass diventa obbligatorio negli alberghi: cosa cambia con il nuovo decreto per gli hotel
Perché secondo il presidente del Veneto Zaia tutta Italia sarà in zona gialla in poche settimane
Perché secondo il presidente del Veneto Zaia tutta Italia sarà in zona gialla in poche settimane
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni