video suggerito
video suggerito
Autonomia differenziata delle Regioni

Cos’è il comitato dei saggi per l’autonomia del ministro Calderoli

Con decreto della presidente del Consiglio si è costituito il Comitato per l’individuazione dei livelli essenziali delle prestazioni, propedeutico all’autonomia differenziata. A presiederlo sarà Sabino Cassese.
A cura di Tommaso Coluzzi
58 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Un comitato dei saggi per decidere il futuro dell'autonomia differenziata. A presiederlo il professor Sabino Cassese – già ministro, giudice della Corte Costituzionale e più volte indicato come possibile candidato alla Presidenza della Repubblica – che dovrà coordinare il lavoro di 61 esperti che avranno il compito di individuare i Lep. Con la firma sul decreto della presidente del Consiglio, è stato istituito ufficialmente il Comitato per l'individuazione dei livelli essenziali delle prestazioni, fondamentali per stabilire le regole dell'autonomia differenziata: "Si riuniranno 61 tra le massime autorità del campo amministrativo e accademico, del diritto costituzionale, europeo ed internazionale, dell'economia e della matematica", ha annunciato ieri il ministro per gli Affari Regionali e padre della riforma, Roberto Calderoli.

"Il prestigioso gruppo di esperti opererà in sinergia per individuare finalmente quei diritti civili e sociali che il cittadino italiano può pretendere dai vari soggetti costituenti la Repubblica italiana – ha spiegato Calderoli presentando il comitato, che sarà di supporto alla cabina di regia sull'autonomia differenziataRivolgo un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno aderito, accettando questo incarico per alto senso di responsabilità e di servizio, con l'obiettivo ambizioso di riempire un vuoto normativo che attende di essere colmato da ormai 22 anni. Affronteremo insieme una sfida storica, per individuare finalmente quei diritti civili e sociali stabiliti nella prima parte della Costituzione che non possono essere considerati di destra o di sinistra ma sono di tutti i cittadini italiani".

Il ministro Calderoli ha anche diffuso una lista con i nomi più importanti. Ci sono magistrati, ex ministri, presidenti degli Istituti più importanti e non solo:

Giuliano Amato, presidente emerito della Corte costituzionale; Franco Gallo, presidente emerito della Corte costituzionale; Annibale Marini, Presidente emerito della Corte costituzionale; Pietro Curzio, presidente emerito della Corte Suprema di Cassazione; Alessandro Pajno, presidente emerito del Consiglio di Stato; Luigi Carbone, presidente di Sezione del Consiglio di Stato; Carlo Chiappinelli, Presidente di Sezione della Corte dei conti; Giovanni Grasso, Consigliere di Stato; Ignazio Visco, Governatore della Banca d'Italia; Gian Carlo Blangiardo, professore emerito di demografia presso l'Università degli studi di Milano Bicocca; Biagio Mazzotta, Ragioniere Generale dello Stato; Luciano Violante, Presidente emerito della Camera dei deputati; Franco Bassanini, presidente della Fondazione per l'analisi, gli studi e le ricerche sulla riforma delle istituzioni democratiche e sull'innovazione nelle amministrazioni pubbliche – Astrid; Anna Finocchiaro, presidente di Italiadecide – Associazione di ricerca per la qualità delle politiche pubbliche; Enrico La Loggia, già Professore di contabilità di Stato e di diritto costituzionale presso l'Università degli studi di Palermo; Paola Severino, presidente della Scuola Nazionale dell'Amministrazione; Elena D'Orlando, presidente della Commissione tecnica per i fabbisogni standard (Ctfs); Marco Stradiotto, responsabile per i rapporti con i committenti pubblici presso Soluzioni per il Sistema Economico – Sose S.p.A.; Giuseppe de Vergottini, Professore emerito di diritto costituzionale presso l'Alma Mater Studiorum – Università di Bologna; Giuseppe Franco Ferrari, Professore emerito di diritto costituzionale presso l'Università commerciale "Luigi Bocconi" di Milano; Carlo Emanuele Gallo, Professore emerito di diritto amministrativo presso l'Università degli studi di Torino; Massimo Luciani, professore emerito di diritto costituzionale presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza"; Franco Gaetano Scoca, Professore emerito di diritto amministrativo presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza"; Guido Trombetti, Professore emerito di analisi matematica presso l'Università di Napoli Federico II; Felice Ancora, ordinario di diritto amministrativo presso l'Università degli studi di Cagliari.

58 CONDIVISIONI
78 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views