659 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 3 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 11 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
28 Luglio 2022
10:39

Cosa ha ottenuto Giorgia Meloni da Salvini e Berlusconi al vertice di centrodestra

Il centrodestra ha trovato l’accordo su collegi uninominali e premiership e sembra aver vinto la linea di Giorgia Meloni, che si è presentata all’incontro forte dei sondaggi politici.
A cura di Tommaso Coluzzi
659 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Il centrodestra ha trovato l'accordo, ma questa non è certo una novità. Anzi. Quando c'è da correre insieme alle elezioni, l'unica certezza è che il centrodestra la quadra la trova sempre abbastanza rapidamente. Anche questa volta che, nonostante i dubbi di Berlusconi, l'asse della coalizione sembra spostato molto più a destra che al centro. Ieri alla Camera dei deputati, grazie a un lungo incontro cominciato nel pomeriggio e terminato dopo cena, i tre leader hanno sciolto gli ultimi nodi: premiership e collegi uninominali. E su entrambi, alla fine, sembra aver avuto ragione Giorgia Meloni. Giustamente, dal suo punto di vista, dato che – secondo gli ultimi sondaggi – il suo partito sarebbe di gran lunga il più votato. Anche più di Lega e Forza Italia messi insieme.

La leader di Fratelli d'Italia si presentava al tavolo con due richieste: l'onere e l'onore – come dice Salvini – di indicare il presidente del Consiglio e la metà dei collegi uninominali blindati. Il comunicato finale parla di accordo, ma non così chiaramente: "La coalizione proporrà al presidente della Repubblica quale premier l'esponente indicato da chi avrà preso più voti", si legge inizialmente. E su questo la linea è decisa: si vedrà dopo le elezioni, risultati alla mano, ma la regola del partito più votato è confermata.

Poi i leader aggiungono: "È stata trovata un’intesa per correre insieme nei 221 collegi uninominali, selezionando i candidati più competitivi in base al consenso attribuito ai partiti". Su questo, invece, di chiaro c'è ben poco. Il compromesso è stato trovato, ma non reso pubblico. Il senatore Calderoli – esperto della legge elettorale e presente ieri all'incontro – uscendo da Montecitorio ha detto che l'accordo sarà chiaro solo alla presentazione delle liste.

Si tratta di un passaggio fondamentale: con la legge elettorale attuale – il Rosatellum – e nella particolare situazione politica, i collegi uninominali sono importantissimi. Vengono assegnati con il maggioritario ed è possibile presentare solo un candidato a coalizione. Fratelli d'Italia chiedeva che nella metà dei collegi blindati – ovvero quelli in cui il centrodestra è sicuro di vincere – il candidato unico fosse scelto tra le fila del partito di Meloni. Liste alla mano sarà tutto più chiaro, insomma, ma la sensazione è che Meloni abbia preteso e ottenuto lo stesso trattamento riservato a Forza Italia e Lega in passato.

659 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni