"Arrestatemi, perché stasera occuperò gli imbarcaderi del porto di Messina". Sono le parole del sindaco di Messina, Cateno De Luca, che in un energico intervento sui social annuncia l'occupazione della rada di San Francesco. Il sindaco della città sullo Stretto convocherà una Giunta comunale straordinaria alle ore 20, e ha invitato il presidente del Consiglio comunale, Claudio Cardile, a riunire una seduta urgente per discutere e affrontare il tema "dell'ennesimo esodo incontrollato di centinaia di mezzi", registrato la scorsa notte e in queste ultime ore.

Il primo cittadino è in protesta contro il governo nazionale e contro il prefetto e contro il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci, perché dopo l'ordinanza emanata dal ministero della Salute e dal ministero dell'Interno in vigore da ieri – che vieta a tutte le persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in un comune diverso da quello in cui si trovano, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute – gli spostamenti massicci dalla Calabria verso la Sicilia non si sono fermati.

Cateno De Luca invoca l'intervento dell'Esercito: "Smettetela di prenderci per il c…siamo stanchi". È lo sfogo del primo cittadino, che sta preparando un'ordinanza apposita.

"Questa mattina ho visto video e foto del flusso incontrollato di macchine che stanotte hanno attraversato lo Stretto dalla Calabria per raggiungere la Sicilia. Mi sono reso conto che qua c'è qualcuno che gioca con la nostra vita e la nostra pazienza. Bene, la mia è finita. Sto preparando una diffida contro il governo nazionale, il prefetto di Messina, di Reggio Calabria e dei Questori: voglio capire che cosa è successo stanotte. Voglio la prova e il riscontro dei controlli fatti e li voglio entro stasera", ha detto, avendo saputo che nelle scorse ore centinaia di automobilisti sono arrivati a Messina dalla Calabria.

"Io oggi sarò lì, a costo di bloccare la nave – ha detto De Luca nel suo video-denuncia – Invito anche il presidente Musimeci a seguirmi, basta con le proteste isolate. Venga con me stasera sulla sponda dello Stretto. Non permetta a nessuno di giocare con la pazienza dei siciliani. Stasera, a costo di farmi arrestare per l'ennesima volta, non permetterò altri vergognosi esodi. Inoltre, farò un'ordinanza per bloccare il transito selvaggio delle persone sullo Stretto, in ottemperanza al decreto emanato ieri dai ministri Speranza e Lamorgese. Chi dovrà passare lo deve comunicare almeno 2 ore prima, per permettere i controlli e decidere se può transitare o stare fuori dalla Sicilia".