video suggerito
video suggerito
Covid 19

Come prosegue la campagna vaccinale contro il Covid: i dati della fondazione Gimbe

L’Oms ha definito conclusa l’emergenza legata alla pandemia di Covid. Ma ha raccomandato di proseguire con le vaccinazioni. Per la fondazione Gimbe, però, “la somministrazione dei richiami per anziani e fragili è stata davvero esigua, con coperture che rimangono molto basse, in particolare nelle Regioni meridionali”.
A cura di Annalisa Girardi
106 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Per l'Organizzazione mondiale della sanità è finita l'emergenza legata alla pandemia di Covid. Per il direttore dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, il rischio di nuove varianti è comunque possibile e i governi nazionali sbaglierebbero quindi se smantellassero in toto i sistemi di prevenzione che hanno costruito. Nel suo piano strategico di risposta al Covid, aggiornato al 2023-25, l'Organizzazione ha anche sottolineato l'importanza di vaccinare le popolazioni per ridurre l'impatto della pandemia. Come è messa l'Italia con la campagna vaccinale?

A fare il punto è la fondazione Gimbe. "Abbiamo ritenuto opportuno valutare l’avanzamento delle coperture vaccinali relative ai richiami con quarta e quinta dose, pur con la difficoltà di fornire dati precisi visto che entrambe le platee non vengono aggiornate ormai da molto tempo", ha commentato il presidente Nino Cartabellotta.

Vediamo quindi un po' di numeri. La platea per la quarta dose non viene aggiornata dal 17 settembre ed è pari a 19,1 milioni di persone. Di queste 12,5 milioni possono riceverlo subito, mentre 0,6 milioni devono aspettare in quanto guarite da meno di 120 giorni; altre 6 milioni hanno già ricevuto il secondo richiamo.

Immagine

Il tasso di copertura nazionale per le quarte dosi è del 31,4% ed è cresciuto solo dello 0,1% nelle ultime sette settimane. Ci sono poi ampie differenze tra le Regioni, per quanto riguarda la copertura: dal 45,8% del Piemonte al 4,1% della Calabria.

Immagine

Invece, per quanto riguarda la quinta dose, la platea di persone che la possono ricevere è stata aggiornata l'ultima volta lo scorso 20 gennaio: parliamo di 3,1 milioni di persone, tra cui 2,5 milioni che possono riceverlo subito, 0,1 milioni che sono guarite da meno di 120 giorni e quindi devono aspettare per farla, e un altro mezzo milione che l'hanno già ricevuta.

Al 5 maggio, a sei mei dall'avvio della campagna vaccinale per il terzo richiamo, sono state somministrate 515.209, con una media settimanale di 207 somministrazioni al giorno.

Immagine

La copertura nazionale è del 16,4%, anche in questo caso con importante differenze regionali: dal 31,3% del Piemonte al 6,2% della Calabria.

Immagine

"Nelle ultime sette settimane, contrariamente a quanto raccomandato dall’Oms oltre che dalle circolari del ministero della Salute, la somministrazione dei richiami per anziani e fragili è stata davvero esigua, con coperture che rimangono molto basse, in particolare nelle Regioni meridionali", ha concluso Cartabellotta.

106 CONDIVISIONI
32820 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views