314 CONDIVISIONI

A quanto ammontano gli stipendi medi europei e che differenza c’è con l’Italia

Per capire a quando ammontano gli stipendi medi negli altri Paesi europei bisogna rivolgersi a Eurostat. Dai dati emerge che i lavoratori italiani sono pagati decisamente meno di quelli francesi o tedeschi.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Annalisa Girardi
314 CONDIVISIONI
Immagine

Dopo una settimana in cui in Parlamento è stato definitivamente affossato il salario minimo e, allo stesso tempo, si ragiona sulle gabbie salariali, torna centrale il tema degli stipendi medi e del loro rapporto al costo della vita. Per fare un confronto con gli altri Paesi europei bisogna rivolgersi a Eurostat, che raccoglie i dati sul costo del lavoro e sui salari in tutti i Paesi dell'Unione europea. Secondo gli ultimi numeri disponibili il nostro Paese rimane indietro, per quanto riguarda la retribuzione oraria: i lavoratori italiani sono pagati decisamente meno di quelli francesi o tedeschi.

Andiamo ai numeri. Gli ultimi che Eurostat rende disponibili sono quelli che fotografano la situazione nel 2018: la retribuzione oraria mediana in Italia era pari a 12,6 euro lordi, contro i 17,2 della Germania o i 15,3 della Francia.

Immagine

"Nel 2018, la retribuzione oraria lorda mediana più alta è stata registrata in Danimarca (27,2 euro), Lussemburgo (19,6 euro) e Svezia (18,2 euro) – spiega Eurostat – Al contrario, la retribuzione oraria lorda mediana più bassa in euro è stata registrata in Ungheria (4,4 euro). ), Romania (3,7 euro) e Bulgaria (2,4 euro)".

Delle cifre, prosegue il report, che mostrano quanto sia diversa la situazione tra gli Stati europei: "Negli Stati membri dell’UE, la retribuzione oraria lorda mediana nazionale più elevata era 11 volte superiore a quella più bassa se espressa in euro; una volta adeguata ai livelli dei prezzi (convertendo in standard di potere d'acquisto (SPA)) la media più alta era quattro volte superiore alla media più bassa, con Danimarca e Bulgaria che rappresentavano ancora una volta gli estremi alle due estremità dell'intervallo", si legge ancora.

Eurostat analizza anche l'incidenza dei salari bassi sul totale delle retribuzioni. "Per lavoratori a basso salario si intendono i dipendenti che guadagnano due terzi o meno della retribuzione oraria lorda mediana nazionale. Nel 2018, nell’UE, il 15,3% dei lavoratori dipendenti erano a basso salario, rispetto al 16,4% nel 2014", fa sapere il report. Sottolineando, anche questa volta, che sono percentuali destinate a variare di molto tra i Paesi: "Nel 2018 le percentuali più elevate sono state osservate in Lettonia (23,5%), Lituania (22,3%) ed Estonia (22,0%). Al contrario, meno del 10% dei dipendenti erano a basso salario in Danimarca (8,7%), Francia (8,6%), Italia (8,5%), Finlandia (5,0%), Portogallo (4,0%) e Svezia (3,6%)".

Immagine
314 CONDIVISIONI
Il piano del governo Meloni per alzare gli stipendi agli insegnanti dove la vita costa di più
Il piano del governo Meloni per alzare gli stipendi agli insegnanti dove la vita costa di più
Conte e Schlein rilanciano la settimana corta a parità di stipendio, come funzionerebbe in Italia
Conte e Schlein rilanciano la settimana corta a parità di stipendio, come funzionerebbe in Italia
Cartello con i prezzi medi al distributore bocciato dal Consiglio di Stato, cosa cambia adesso
Cartello con i prezzi medi al distributore bocciato dal Consiglio di Stato, cosa cambia adesso
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views