Via il posteggio taxi dall’interno del Nuovo Policlinico. Lo stazionamento delle auto bianche, finora in prossimità dei padiglioni, è stato spostato a causa di alcuni lavori, all’esterno della struttura sanitaria della Federico II, in via Pansini, sul lato sinistro della carreggiata. Quando i lavori sono finiti, però, ai tassisti è stata negata la possibilità di tornare nei vecchi stalli. Da qui la protesta dei conducenti: “La nuova soluzione non è solo scomoda per i viaggiatori, ma anche pericolosa, perché i passeggeri sono costretti ad attraversare una strada ad alta percorrenza per arrivare al Policlinico e perché la strada è anche molto trafficata, rendendo difficile nelle ore di punta per i taxi raggiungere i padiglioni per prelevare i pazienti o i visitatori”.

I sindacati chiedono una soluzione al Policlinico

I sindacati dei tassisti Uti, Uritaxi, Federtaxi, Unica-Cgil hanno chiesto al Comune di intervenire presso i vertici del Policlinico per trovare una soluzione definitiva. “È stata trovata una soluzione “momentanea” – scrivono in una nota – per il posteggio del Policlinico. La posizione individuata di concerto con la Polizia Municipale, il dirigente del Corso Pubblico e le altre organizzazioni sindacali è su via Pansini, lato sinistro. Abbiamo parlato di soluzione momentanea in quanto, come constatato da tutti, l’area che prima era a noi riservata all’interno dell’Aou è completamente libera e quindi non comprendiamo il perché ci abbiano proibito di sostare".

"A nostro parere – concludono – è assurdo che un Ospedale come il Policlinico non debba avere un posteggio taxi e costringere le migliaia di persone che ogni giorno lo frequentano (molte ovviamente già in condizioni disagiate in quanto non in buona salute) ad affrontare questo disagio. Inoltre, noi operatori, per andare a prelevare ai vari padiglioni dobbiamo tagliare completamente una strada che di giorno è congestionata dal traffico cittadino mentre nelle ore serali è a scorrimento veloce, quindi in tutti e due i casi ad elevato rischio”.

"Insieme alle altre sigle sindacali che hanno aderito – spiegano i sindacalisti Uti Donzelli e Colasanto – presenteremo una informativa anche agli utenti del Policlinico spiegando le motivazioni delle difficoltà che si stanno registrando in questi giorni nell'accompagnamento e nel prelievo dei passeggeri che non sono per nulla addebitabili alla categoria taxi. Chiederemo anche al consigliere comunale Ciro Langella, delegato del sindaco al trasporto pubblico non di linea di esserci a fianco in questa battaglia".