Una tragedia immane quelle che in queste ore ha colpito Teggiano, piccolo centro della provincia di Salerno, che piange la morte di Federica Tropiano, la ragazza di soli 21 anni che lo scorso sabato era rimasta ustionata in casa a causa di un ritorno di fiamma dal camino: la giovane è deceduta nel reparto Grandi Ustionati dell'ospedale Cardarelli di Napoli, dove era ricoverata da una settimana; troppo gravi le ustioni riportate sul 65 percento del corpo. La ragazza, sabato scorso, il 7 novembre, era in casa a Teggiano quando, munita di alcool, aveva cercato di ravvivare il fuoco nel camino: un ritorno di fiamma l'aveva però investita, colpendo soprattutto braccia e gambe; ustioni che, purtroppo, a una settimana di distanza si sono rivelate fatali.

Per Federica era scattata la gara di solidarietà in tutta la Campania

I genitori della 21enne si erano subito resi conto della tragedia e avevano allertato il 118: trasportata in un primo momento al Pronto Soccorso dell'ospedale Luigi Curto di Polla, Federica era stata subito trasferita al Cardarelli di Napoli a causa della gravità delle ustioni. Nei giorni scorsi, dopo la notizia della tragedia capitata alla ragazza, in tutta la Campania si erano diffusi appelli che invitavano a donare sangue per le trasfusioni alle quali la ragazza si sarebbe dovuta sottoporre: in tanti si erano recati all'ospedale di Polla per donare il sangue in favore della 21enne. La solidarietà di tanti salernitani e campani, però, non è bastata a salvare la vita a Federica: la 21enne lascia i genitori e la sorella, ma anche tutta la comunità di Teggiano, sconvolta per la sua prematura scomparsa.