Dopo tanta attesa è finalmente tutto pronto a Castel dell'Ovo, uno dei simboli di Napoli, per dare il via alla mostra "Troisi poeta Massimo", una carrellata di immagini, foto, video e musica che celebrerà l'indimenticato Massimo Troisi, attore e regista di San Giorgio a Cremano, scomparso prematuramente nel 1994. La mostra era infatti prevista inizialmente dall'ottobre del 2020 al gennaio del 2021, ma era stata rimandata a causa della pandemia di Coronavirus, che proprio lo scorso autunno stava entrando nel pieno della seconda ondata: "Troisi poeta Massimo" aprirà ai visitatori il 7 maggio e sarà fruibile fino al 25 luglio. Immagini private, carteggi personali, video d'archivio porteranno il visitatore nella vita di Massimi Troisi, non solo del geniale regista e dell'attore comico, ma anche dell'uomo. I contributi audiovisivi ripercorreranno ovviamente anche la carriera di Troisi, dai primi passi a teatro, fino al successo con La Smorfia (insieme a Lello Arena ed Enzo Decaro) e come autore affermato.

La mostra "Troisi poeta Massimo" è organizzata dall'Istituto Luce-Cinecittà, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e 30 Miles Film, con il riconoscimento del Ministero per i Beni e le Attività culturali-Direzione generale Cinema e Audiovisivo e della Regione Campania; la mostra vanta inoltre la collaborazione anche dell'Archivio Enrico Appetito, di Rai Teche, Cinecittà si Mostra e Cinecittà News, a cura di Nevio De Pascalis e Marco Dionisi, con la supervisione di Stefano Veneruso. Inoltre, la mostra sarà accompagnata anche da un catalogo, edito da Istituto Luce-Cinecittà ed Edizioni Sabinae, a cura di Nevio De Pascalis e Marco Dionisi, con immagini e interviste inedite a Massimo Troisi.