Gli operatori della fiera settimanale di Teverola, in provincia di Caserta, questa mattina hanno trovato sbarrati i cancelli del mercato. Effetto dell'ordinanza 78 della Regione Campania, sulla scorta della quale il sindaco ha disposto la chiusura, ritenendo che anche la fiera rientrasse tra le attività vietate. L'equivoco si è risolto soltanto dopo alcune ore, e soprattutto dopo che gli operatori hanno bloccato la strada, col chiarimento arrivato dalla Prefettura di Caserta: la disposizione regionale non riguarda le fiere settimanali.

La protesta è scattata alle prime ore di oggi, 16 ottobre, quando i mercatali sono arrivati sul luogo dove si tiene la fiera, in via Roma, e hanno trovato i cancelli chiusi. Appreso il motivo della chiusura hanno così deciso di bloccare la strada, parcheggiando i furgoni di traverso alla carreggiata e creando in pochi minuti una lunga coda che si estendeva per chilometri. Sul posto sono intervenuti carabinieri e Polizia di Stato, la circolazione è stata deviata sulle strade limitrofe per alleggerire il traffico.

La chiusura, a quanto si apprende, era stata decisa in rispetto dell'ordinanza regionale numero 78 del 14 ottobre della Regione Campania, che vieta "sagre e fiere e in generale, ogni attività o evento il cui svolgimento o fruizione non si svolga in forma statica o con postazioni fisse". La situazione si è sbloccata intorno alle 11, quando la Polizia Municipale, una volta arrivato il chiarimento della Prefettura, ha riaperto i cancelli; nonostante il via libera, però, molti degli operatori hanno deciso di tornare a casa ugualmente vista l'ora ormai tarda per il mercato.