I Bagni Sirena a Posillipo (da Facebook)
in foto: I Bagni Sirena a Posillipo (da Facebook)

La Polizia Municipale ha sottoposto a sequestro la pedana dei Bagni Sirena, a Posillipo, usata come solarium: da precedenti controlli è emerso che per quella struttura mancavano tre autorizzazioni: quella del Comune di Napoli per le opere stagionali, quella della sovrintendenza, prevista in zone protette dal punto di vista ambientale come quella dove si trova il lido, e il certificato di agibilità sismica, necessario per garantire la stabilità della pedana sotto il peso di lettini e persone.

L'intervento è stato eseguito ieri, 29 luglio, su richiesta dell'Autorità Giudiziaria, che già lo scorso anno aveva riscontrato le stesse irregolarità nello stabilimento balneare di Posillipo. Sono intervenuti gli agenti dell'Unità Operativa Tutela Edilizia della Polizia Municipale, guidata dal capitano Agostino Acconcio, insieme alla Capitaneria di Porto e alla Polizia di Stato.

Per questioni di ordine pubblico e per non creare affollamenti sulla spiaggia è stato concesso l'utilizzo della piattaforma fino alla fine della giornata: al momento dell'intervento erano infatti già molte le persone che si trovavano nel lido e privare la struttura della piattaforma avrebbe significato farle riversare tutte sulla spiaggia, causando inevitabilmente affollamenti e potenziali pericoli per l'impossibilità di rispettare le norme anti contagio.

Da oggi, 30 luglio, non è quindi possibile usare il solarium; la restante parte del lido è invece liberamente utilizzabile, non essendo compresa nel provvedimento eseguito e non essendo state riscontrate altre irregolarità. L'intervento della Municipale si inquadra nei controlli eseguiti in questi giorni presso le strutture balneari della costa napoletana.