Ha sfondato la vetrina di un negozio di abbigliamento con una piccozza e ha rubato vestiti per un valore di 2.300 euro: un giovane di 26 anni, già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato dai carabinieri a Castellammare di Stabia, nella provincia di Napoli. Alle prime luci di questa mattina, intorno alle 7, il 26enne si è recato nel centro della cittadina della provincia partenopea e, armato di piccozza, ha mandato in frantumi la vetrina: il giovane ha preso gli indumenti che erano esposti, per un valore complessivo di 2.300 euro, e si è dato alla fuga. Il proprietario del negozio, quando si è recato sul posto per l'apertura, si è trovato di fronte al furto compiuto e ha allertato le forze dell'ordine: sul posto sono arrivati i carabinieri della locale stazione, che hanno subito avviato le indagini.

Sul posto, i militari dell'Arma hanno rinvenuto gli attrezzi utilizzati dal ladro per rompere la vetrina e asportare gli indumenti e hanno poi visionato le immagini delle telecamere di sorveglianza installate nell'esercizio commerciale, riuscendo ad identificare l'autore del furto. I militari dell'Arma si sono recati nell'abitazione del 26enne, trovandolo ancora in possesso di gran parte della refurtiva, che è stata restituita al legittimo proprietario. Il 26enne, invece, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicato.

Qualche giorno fa, invece, due donne di 30 e 21 anni sono state arrestate all'interno del centro commerciale Vulcano Buono, a Nola: le due hanno rubato 40 capi di abbigliamento, occultandoli nei passeggini con i quali si erano recati all'interno del centro commerciale.