161 CONDIVISIONI

Sequestrato il resort “Giglio di Mare” di Paestum. La Procura: furono abbattuti 1.500 alberi per realizzarlo

La struttura turistico ricettiva sarebbe frutto di lottizzazione abusiva. Indagati anche due funzionari della Regione Campania.
A cura di Nico Falco
161 CONDIVISIONI
Immagine

È scattato oggi, 5 febbraio, il sequestro preventivo del resort "Giglio di Mare" di Capaccio-Paestum, in provincia di Salerno: secondo l'ipotesi accusatoria sarebbe frutto di una lottizzazione abusiva in area sottoposta a vincolo paesaggistico e, per costruire il parcheggio, è stata distrutta una pineta con circa 1.500 alberi.

Il provvedimento riguarda l'intera struttura turistica; è stato eseguito dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Salerno e del Nucleo Tutela del Patrimonio, è stato emesso dal gip del Tribunale di Salerno su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Sequestrato "Giglio di Mare", il resort a Capaccio-Paestum

Nel procedimento risultano iscritte nel registro degli indagati 10 persone, ritenute dagli inquirenti coinvolte nella realizzazione del resort e quindi negli illeciti collegati: oltre al proprietario della struttura ci sono 4 tecnici comunali, due funzionari della Regione Campania, un tecnico progettista, un agronomo e il titolare di un'impresa forestale. Le ipotesi di reato, riporta una nota a firma del procuratore di Salerno Giuseppe Borrelli, sono numerose:

lottizzazione abusiva di terreni demaniali in area sottoposta a vincolo paesaggistico, falsità ideologica, abusivo d'ufficio, abuso edilizio, esecuzione di opere su beni paesaggistici in assenza di autorizzazione e invasione di terreni demaniali e distruzione o deturpamento di bellezze naturali e di habitat all'interno di un sito protetto.

Secondo la ricostruzione della Procura si ipotizza una lottizzazione illecita di una vasta area a due passi dalla spiaggia di Capaccio. Lì vi era il progetto di un resort dotato di servizi ed ampio parcheggio, edificato – è l'accusa della Procura salernitana  «anche grazie alla emanazione di provvedimenti amministrativi illegittimi». Questi gli elementi sugli atti illegali in mano all'accusa:

 precisamente nel maggio 2019 di una illegittima concessione edilizia, in sanatoria di preesistenti strutture edilizie (ex Hera Argiva) nella pineta in località Varolato – Laura di Capaccio – Paestum, ricadente nella riserva naturale Foce Sele – Tanagro.

Successivamente, nel marzo 2021, di un illegittimo permesso a costruire per la realizzazione di lavori di ampliamento, riqualificazione e recupero delle strutture edilizie illecitamente sanate.

La pineta distrutta per realizzare un parcheggio

Il proprietario della struttura, inoltre, tra marzo e aprile 2019 avrebbe disboscato un'area di 18mila metri quadrati, rimuovendo 1.500 pini, per ampliare la strada di accesso al resort e costruire un parcheggio a raso per i clienti.

Nel corso delle operazioni di sequestro la polizia giudiziaria ha constatato che i lavori erano andati avanti rispetto a quanto accertato nella consulenza tecnica effettuata durante le indagini e che erano stati realizzati altri 6 mini appartamenti. La documentazione relativa ai mutui agevolati e garantiti, ottenuti per la realizzazione della struttura, è stata acquisita dalla Guardia di Finanza di Salerno nello studio del commercialista del titolare del resort.

161 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views