L'intervento dei Carabinieri ha salvato la vita a un uomo di 52 anni, trovato privo di sensi nella sua abitazione. È successo nella frazione Fenosa della città di Sapri (in provincia di Salerno) e se la storia di solitudine e abbandono ha avuto un lieto fine è grazie alla manovra di pronto soccorso effettuata dal comandante Pietro Marino e dai militari dell'Arma accorsi sul posto. L. P., diabetico e in condizioni di salute delicate, vive da solo dopo la morte della madre e della sorella, scomparse prematuramente. Venerdì scorso, è stato colto da malore improvviso ed è svenuto. Il suo corpo è rimasto a terra nel bagno di casa, è lì che è stato rinvenuto intorno alle 13.

Ad avvertire gli uomini delle forze dell'ordine è stata la badante che, come d'abitudine, si era recata a casa dell'uomo per preparargli il pranzo e sbrigare alcune faccende domestiche. Dopo aver bussato più volte alla porta e tentato qualche telefonata, ha capito che era accaduto qualcosa di grave. Immediata la telefonata ai Carabinieri della Compagnia del Golfo di Policastro che sono giunti sul posto poco dopo: il luogotenente Pietro Marino e l'appuntato Antonio Maiolino sono entrati nell'appartamento e hanno trovato L. P. privo di conoscenza. Era caduto nei pressi del lavello e aveva la faccia rivolta per terra.

Nell'attesa che arrivasse l'ambulanza del 118, sono stati gli stessi militari dell'Arma a praticare il primo soccorso con la rianimazione cardio-polmonare. Un intervento tempestivo che s'è rivelato provvidenziale, evitando così una tragedia. La manovra ha avuto successo e per fortuna l'uomo si è ripreso. Successivamente l'uomo è stato ricoverato all’Ospedale dell’Immacolata per ricevere le cure del caso, effettuare tutti i controlli necessari ed essere continuamente monitorato a causa del malore subito.