178 CONDIVISIONI
26 Settembre 2022
22:30

Ruba soldi e vino in un ristorante, i titolari: “Caro amico, ma che vita ti aspetta?”

Un furto all’interno di un ristorante di Pozzuoli, i proprietari diffondono le immagini in Rete: “Rabbia, delusione e schifo, ma che vita ti aspetta?”
A cura di Giuseppe Cozzolino
178 CONDIVISIONI

Furto all'interno di un ristorante di Pozzuoli, il Confini Restaurant di via Napoli. Ma il ladro non sapeva di essere stato immortalato dalle telecamere di videosorveglianza interne. Seppure irriconoscibile, i proprietari hanno presentato denuncia e, contestualmente, si sono sfogati in un lungo post sui propri canali social: "Noi andremo avanti, ma a te che vita aspetta?"

Le immagini della telecamera interna

Il fatto è accaduto all'alba di ieri mattina, domenica 25 settembre: alle 5.02, come si evince dalle immagini di videosorveglianza, si vede un uomo che armeggia a volto coperto davanti all'ingresso, riuscendo a forzarlo. Una volta dentro, si dirige a colpo sicuro verso il bancone, sparendo poi dall'inquadratura, dove compare solo di taglio. I proprietari hanno poi spiegato che il bottino è stato qualche bottiglia di vino e i soldi presenti nel registratore di cassa.

I titolari: "Rabbia, delusione e schifo"

Duro lo sfogo dei titolari: "Rabbia delusione ma soprattutto schifo", spiegano, aggiungendo anche che "noi continueremo, mentre tu, amico nostro, che farai oggi, con quelle bottiglie, quei soldi in cassa che si esauriranno in poco? Che vita ti aspetta? Sicuramente sarò scadente, a differenza di chi come noi, ogni giorno combatte per i propri sogni".

Questo il testo completo dello sfogo dei titolari del ristorante Confini di Pozzuoli:

Quando succedono cose di questo tipo c’è poco da dire.
Rabbia, delusione, ma sopratutto schifo.
Siamo sinceramente disgustati.
Una giovane realtà aperta da poco, pochi mesi, precisamente dal 13 luglio, investendo tanto sia in termini economici che mentali…
Siamo imprenditori giovani e con un sogno appena realizzato. Una realtà giovane che vuole portare un po’ d’aria fresca, che ancora una volta, purtroppo, è stata sabotata, messa a repentaglio; da una società che ormai è completamente allo sbaraglio, marcia.
Dove non saremo tutelati, dove dovremo sbrigarcela da soli, ancora una volta.
Dal nostro canto, quello che possiamo fare è rialzarci, e continuare ad andare avanti, mossi non solo dall’amore per la nostra realtà, ma anche dalla rabbia, e dal fuoco che ora ci fa venire solo più voglia di continuare a fare bene e crescere sempre di più!
Noi continueremo a vivere senza confini, mentre tu, amico nostro, che farai oggi, con quelle bottiglie, quei soldi in cassa che si esauriranno in poco? Che vita ti aspetta? Sicuramente sarà scadente, a differenza di chi come noi, ogni giorno combatte per i propri sogni.

178 CONDIVISIONI
"Spesa solidale" a Napoli: chi può mette, chi non può prende: l'iniziativa al centro storico
Cosa fa oggi Irene Pivetti:
Cosa fa oggi Irene Pivetti: "Prendo 1000 euro al mese, ma non mi sento caduta"
Quattro rapine a mano armata in cinque giorni: arrestato un 45enne, in casa aveva una pistola giocattolo
Quattro rapine a mano armata in cinque giorni: arrestato un 45enne, in casa aveva una pistola giocattolo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni