video suggerito
video suggerito

Quando Massimo Troisi con una sola battuta zittì i razzisti anti-Napoli

Festeggiando il primo scudetto del Napoli, quello del 10 maggio 1987, Massimo Troisi, intervistato da Gianni Minà, diede una risposta ironica e fulminante sugli striscioni razzisti che allora ancor più liberamente circolavano negli stadi italiani, prendendo di mira i calciatori e i tifosi azzurri.
1.565 CONDIVISIONI
Immagine

Correva l'anno 1987, quello del primo scudetto del Napoli, celebrato il 10 maggio come un evento straordinario, con una festa in piazza Plebiscito. Alla festa partecipò, a modo suo, anche Massimo Troisi. L'attore e regista partenopeo non salì sul palco, preferì farsi intervistare e sfoderare un pezzo incredibile di ironia e teatro, ancor oggi ricordato da tutti, mandato in onda dalla Rai che trasmise i festeggiamenti azzurri (lo trovate su Raiplay).

Minà raccontò poi che non c'era che un canovaccio: «Massimo mi disse: ‘Gianni, faccio io…'». Tra le domande scherzose poste all'attore ce n'era una più seria, quella sugli striscioni a sfondo razzista che allora entravano liberamente allo stadio. «Sono comparsi striscioni con la scritta ‘Siete i campioni del Nord Africa’, l’Unità d’Italia non è mai avvenuta» lo interroga il giornalista. E Troisi con una solita smorfia di ironia spiegò che sono cose che chi vince deve lasciarsi scivolare addosso. Poi, la stoccata: «Preferisco essere un campione del Nord Africa piuttosto che mettermi a fare striscioni da Sud Africa», riferendosi a quella parte del Continente dove c'era all'epoca ancora l'apartheid, ovvero la politica di segregazione razziale istituita dai bianchi. Un modo sottile ma chiarissimo per dare del razzista a chi si presentava con quegli slogan in campo.

1.565 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views