Traffico impazzito al centro storico di Napoli, a causa di una protesta dei disoccupati che hanno bloccato a sorpresa la circolazione su via Foria, all'altezza del Museo Archeologico Nazionale, creando delle barricate con i bidoni della raccolta differenziata rovesciati al centro della carreggiata. Code fino a piazza Carlo III e scooter sui marciapiedi tra i passanti. Bidoni rovesciati anche in via Pessina. Circa un centinaio di disoccupati ha creato una vera e propria barricata tra il Museo e la Galleria Principe di Napoli realizzata con dei bidoni della spazzatura rovesciati. Anche i rifiuti contenuti nei bidoni sono stati gettati in strada. Immediatamente tutto il traffico su via Foria e via Costantinopoli è rimasto paralizzato, fino a piazza Carlo III. Si tratta di uno snodo fondamentale per la circolazione cittadina, visto che via Foria è una delle poche strade che consentono di raggiungere la Stazione Centrale di Napoli a chi proviene da Capodimonte e dal Vomero, visto che il passaggio in via Pessina e piazza Dante è bloccato dalla Ztl del Centro Antico.

A rischio intanto per il blocco anche i pedoni, visto che alcuni motorini per aggirare il blocco sono saliti sui marciapiedi, facendo lo slalom tra le persone anche in attesa alle fermate del pullman. E i disagi oggi non finiscono qui. Contemporaneamente, infatti, attorno alle 15,45 la metropolitana Linea 1 ha dovuto limitare la circolazione alla tratta Piscinola-Dante, sospendendo il servizio sull'altra tratta Dante-Garibaldi. Piazza Garibaldi, quindi, è rimasta quasi isolata. Disagi che proseguiranno anche stasera, visto che la Linea 1 anticiperà l'orario di chiusura di 2 ore, per la manutenzione straordinaria, con le ultime corse da Piscinola alle ore 20,24 e da Garibaldi alle ore 20,44.