2.721 CONDIVISIONI
Covid 19
26 Marzo 2021
17:40

Perché la Campania resta ancora in zona rossa Covid-19 anche se i contagi scendono: le proiezioni

Perché la Campania resta in zona rossa nonostante le proiezioni dicano che i contagi scenderanno e l’Rt sensibilmente più basso? Il motivo è chiaro: le terapie intensive ospedaliere e i reparti Covid-19 devono svuotarsi il più possibile prima di riaprire e quindi “aumentare” nuovamente il rischio.
A cura di Ciro Pellegrino
2.721 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La Campania ha dati da zona arancione ma resta zona rossa Covid-19 almeno fino alla prima settimana del mese di aprile. Secondo i dati del monitoraggio Iss-Ministero della Salute suo indice di contagio Rt è passato da 1,65 (range 1,59-1,72) a 1.05 (range 1-1,09). La proiezione di Agenas sugli infetti, cioè la stima dell’andamento del numero di contagi a 7 giorni, fa intravedere finalmente la curva che inizia a piegarsi e scendere. Dunque, presupponendo un R*(t) costante  e fatte salve tutte le incertezze in materia, potremmo vedere la luce a inizio aprile entrando in zona arancione. 

Un miglioramento netto nel corso dell'ultima settimana anche per quel che riguarda l'incidenza, ovvero il rapporto fra tamponi effettuati e positivi riscontrati,  che tuttavia non porterà alla zona arancione per un motivo molti semplice: i dati dovranno mantenersi positivi anche per la prossima settimana.

Lo spiega chiaramente l'Istituto superiore di Sanità nel suo report:

I dati di incidenza, trasmissibilità e il forte sovraccarico dei servizi ospedalieri richiedono di mantenere rigorose misure di mitigazione nazionali, accompagnati da puntuali interventi di mitigazione/contenimento nelle aree a maggiore diffusione.

È proprio l'occupazione degli ospedali la prima preoccupazione: al momento Agenas, l'Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali segnala che la Campania è entrata al livello di guardia per l'occupazione delle terapie intensive. Con l'incremento dei contagi gli ospedali si sono piano piano saturati e siccome la degenza media non è certo di 5-6 giorni ma in alcuni casi può raggiungere e superare i 20 giorni, ecco che le terapie intensive e sub-intensive si affollano e le strutture vanno in sofferenza. Per questo occorre far sì che i dati siano tali da rendere "sicure" nuove aperture e nel frattempo proseguire a spron battuto con la campagna vaccinale.

La classificazione complessiva di rischio è diventata «bassa ad alta probabilità di progressione». La Campania ha una altissima densità abitativa che in termini epidemiologici significa una cosa molto chiara: se ritornano i focolai o ri-aumenta il numero di casi al giorno, ripiombiamo nell'incubo.

2.721 CONDIVISIONI
27587 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni