24 Giugno 2022
8:09

Paolo Banchero prima scelta al Draft Nba. Ma il primo italiano a segnare è stato il casertano Vincenzo Esposito

Paolo Banchero è il secondo italiano ad essere scelto a un Draft Nba con la prima chiamata assoluta. Nella stagione 1995/96, però, il primo italiano a segnare un punto in Nba è stato il casertano Vincenzo Esposito.
A cura di Valerio Papadia
Vincenzo Esposito in azione con i Toronto Raptors (a destra)
Vincenzo Esposito in azione con i Toronto Raptors (a destra)

Una notte gloriosa, quella appena trascorsa, per lo sport italiano: Paolo Banchero, 19 anni, papà ligure e mamma statunitense, è il secondo italiano ad essere scelto (dagli Orlando Magic, nella fattispecie) con la prima chiamata assoluta in un Draft Nba (il modo in cui le 30 squadre del campionato di basket Usa scelgono i migliori talenti provenienti da high school e college, o da altre franchigie, ndr), dopo Andrea Bargnani, prima scelta al Draft 2006. L'Italia sorride anche perché altri due giovani talenti del nostro Paese, Gabriele Procida e Matteo Spagnolo, sono stati scelti, rispettivamente, con le chiamate numero 36 e numero 50. Tanti gli italiani che, negli ultimi decenni, hanno giocato in Nba, il massimo campionato di basket al mondo, ma forse non tutti sanno che il primo in assoluto a segnare un punto nella Lega statunitense è stato il casertano Vincenzo Esposito, nella stagione 1995/1996.

Vincenzo Esposito in Nba con i Toronto Raptors

Classe 1969, nato a Caserta e cresciuto cestisticamente nella squadra della città, la Juvecaserta, con la quale debutta in Serie A1 a soli 15 anni e vince la Coppa Italia nel 1988, come detto Vincenzo Esposito – soprannominato El Diablo oppure Enzino – detiene il primato di aver segnato il primo punto in Nba, nonché quello di essere il secondo connazionale ad aver calcato i parquet statunitensi: il primo, tecnicamente, è stato Mike D'Antoni, statunitense ma in seguito naturalizzato italiano.

È la stagione 1995/96, la Nba, dopo un periodo di declino, sta vivendo una nuova epoca d'oro grazie a Michael Jordan e ai suoi Chicago Bulls. All'inizio di quella stagione, anche nel vicino Canada decidono di partecipare al grande show della pallacanestro made in Usa e, a Toronto, si formano i Raptors. A Vincenzo Esposito, che all'epoca ha 26 anni e gioca come guardia in una delle squadre più forti del nostro campionato, la Fortitudo Bologna, si interessano gli scout canadesi, che arrivano ad acquisirlo – senza passare dal Draft – come elemento della loro prima squadra che parteciperà a un campionato Nba.

Il primo punto in Nba segnato all'esordio ufficiale

Nonostante Vincenzo Esposito rimarrà a Toronto, e in Nba, per una sola annata, è entrato, a modo suo, nella storia della pallacanestro italiana e di quella di oltreoceano. Il 15 novembre del 1995, all'esordio assoluto in una partita ufficiale in Nba con i Toronto Raptors, Esposito mette a referto un solo punto contro gli Houston Rockets: il magrissimo bottino, però, gli consente di diventare, come già detto, il primo italiano a segnare un punto nella storia del massimo campionato di pallacanestro a stelle e strisce.

Napoli, nuovo parcheggio in piazza Garibaldi. Il sindaco:
Napoli, nuovo parcheggio in piazza Garibaldi. Il sindaco: "Primo passo, vogliamo una piazza viva"
344.776 di AntonioMusella
Trent'anni da via D'Amelio, Sandro Ruotolo racconta depistaggi e bugie sulla morte di Borsellino
Trent'anni da via D'Amelio, Sandro Ruotolo racconta depistaggi e bugie sulla morte di Borsellino
490.171 di AntonioMusella
Covid Campania, 5.887 contagi e 5 morti: bollettino di mercoledì 27 luglio 2022
Covid Campania, 5.887 contagi e 5 morti: bollettino di mercoledì 27 luglio 2022
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni