Si tratta sicuramente di una delle canzoni più conosciute e famose in lingua napoletana: ‘O surdato ‘nnamurato, sebbene abbia ben oltre 100 anni, continua ad esserlo nonostante il tempo trascorso. E tantissime le interpretazioni che ha avuto nel corso degli anni, i suoi riarrangiamenti e i suoi riadattamenti. Eppure, in pochi conoscono la sua storia originale. La canzone nacque nel lontano 1915, frutto del genio del paroliere e poeta italiano Aniello Califano, nato e cresciuto a Sorrento. La musica originale, invece, fu ideata da Enrico Cannio, musicista napoletano che nello stesso anno generò la melodia perfetta per il testo di Califano. Nel 1915 l'Italia entrava in guerra contro gli Imperi Centrali, ed in particolare contro l'Impero d'Austria-Ungheria, che all'epoca controllava ancora il Trentino e l'Istria, con le città di Trento e Trieste in particolar modo. Ed il testo della canzone nacque proprio per descrivere la tristezza di un soldato qualunque che parte per il fronte, e soffre per la lontananza della propria innamorata.

Il brano divenne poi famosissimo interpretato da Anna Magnani nel film "La Sciantosa" del 1971, senza dimenticare le interpretazioni praticamente immortali di Massimo Ranieri, quella di Marco Armani nel 1994 al Festival di Napoli, nonché di Enzo Jannacci e Roberto Vecchioni, che in tempi recenti l'ha portata sul palco del Festival di Sanremo del 2011. Senza contare che i tifosi del Napoli Calcio, da sempre, ritengono questa canzone come inno vero e proprio della squadra, tanto da intonarlo in casa e in trasferta e rendendolo "immortale" in occasione delle vittorie degli scudetti e delle coppe durante i festeggiamenti dentro e fuori dal campo. Altri grandi cantautori che hanno interpretato il brano sono i tenori del calibro di Luciano Pavarotti, nonché in tempi recenti cantanti napoletani come Gigi D'Alessio. Insomma, un brano senza tempo, il cui testo continua a far innamorare.

Il testo di ‘O Surdato ‘nnammurato

Staje luntana da stu core,
a te volo cu ‘o penziero
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si' sicura ‘e chist'ammore
comm'je so' sicuro ‘e te…

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si' stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll'urdemo sarraje pe' me!

Quanta notte nun te veco,
nun te sento ‘int'a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t'astregno forte ‘mbraccio a mme.
Ma scetannome ‘a sti suonne,
mme faje chiagnere pe' te…

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si' stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll'urdemo sarraje pe' mme!

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si' stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll'urdemo sarraje pe' mme!

Scrive sempe e sta' cuntenta:
io nun penzo che a te sola
Nu penziero me cunzola,
ca tu pienze sulamente a mme.
‘A cchiù bella ‘e tutt'e bbelle,
nun è maje cchiù bella ‘e te…

Oje vita, oje vita mia
oje core ‘e chistu core
si' stata ‘o primmo ammore
e ‘o primmo e ll'urdemo sarraje pe' mme!