I numeri di novembre del coronavirus in Campania sono impressionanti: oltre mille i morti (più di tutti quelli morti da marzo ad ottobre, che erano stati in tutto 676) per Covid-19 in regione, che dunque in 30 giorni ha fatto registrare una media giornaliera di 33 morti, più di uno all'ora. Dati impressionanti, mai visti in una regione che, in estate, si riteneva ormai "Covid free" e che invece ora si ritrova a fare i conti con una seconda ondata ancora più devastante della prima, che in Campania aveva avuto cifre irrisorie rispetto a quelle del nord.

Covid, i record negativi della Campania a novembre

La Campania, a novembre, ha polverizzato ogni record negativo: è diventata in poco tempo la seconda regione per numero di casi attivi, dietro alla sola Lombardia ed entrambe uniche sopra i centomila casi attivi, mentre è la terza per quanto riguarda i casi totali, dietro a Lombardia e Piemonte. Numeri che certificano come la seconda ondata si sia abbattuta con particolare violenza sulla regione campana.

I numeri del Covid a novembre in Campania

Quasi centomila i nuovi casi nel mese di novembre: 96.832 i positivi emersi dalle analisi di 614.781 tamponi, con un rapporto di positività pari al 15,75% complessivo, con una media di 3.227 nuovi casi al giorno. I guariti sono stati 40.086 (unico numero positivo delle statistiche), mentre per quanto riguarda i decessi si registra il triste record di 1.045 persone morte a causa del Covid, con una media di quasi 35 decessi al giorno. Numeri che certificano ed in qualche modo legittimano la decisione del governo di inserire la Campania nella zona rossa dell'emergenza coronavirus da metà novembre.