Covid 19
8 Settembre 2021
13:13

Napoli-Venezia, multe e Daspo ai tifosi: niente mascherine e posti non rispettati

Raffica di multe e denunce con Daspo per i tifosi azzurri per il caos allo stadio Maradona di Fuorigrotta, in occasione di Napoli-Venezia del 22 agosto scorso. Posti non rispettati, barriere scavalcate e niente mascherine anti-Covid: saltate tutte le regole del distanziamento Covid. Ma i tifosi protestano: “Non era possibile scegliere il posto all’acquisto, famiglie divise”.
A cura di Pierluigi Frattasi
La partita Napoli–Venezia del 22 agosto 2021 (Foto Lapresse)
La partita Napoli–Venezia del 22 agosto 2021 (Foto Lapresse)
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Raffica di multe e denunce con Daspo per i tifosi azzurri per il caos allo stadio Maradona di Fuorigrotta, in occasione di Napoli-Venezia del 22 agosto scorso. Posti non rispettati, barriere scavalcate e niente mascherine anti-Covid: il comportamento dei supporter del Napoli nel primo match di campionato aveva fatto saltare tutte le regole del distanziamento Covid che prevedono il posizionamento a scacchiera degli spettatori, in modo da ridurre al minimo il rischio di contagio. Ma i tifosi protestano contro il sistema di prenotazione dei biglietti: "Non era possibile scegliere il posto all'acquisto del biglietto, le sedute assegnate in automatico, famiglie divise".

Denunciate 8 persone con Daspo

Adesso, a distanza di due settimane, arrivano le sanzioni della Questura di Napoli, che ha denunciato 8 persone resesi responsabili di scavalcamento dal settore inferiore della curva B a quello superiore. Nei loro confronti è stata anche avviata la procedura per l’emissione del DASPO. Inoltre, sono state elevate 30 sanzioni amministrative per violazione del regolamento d’uso dell’impianto sportivo ad altrettante persone che, nelle due curve, hanno occupato posti diversi da quelli indicati nel biglietto, non rispettando il posizionamento a scacchiera previsto per il contenimento della pandemia da Covid-19. Le stesse persone sono state sanzionate per non aver indossato le mascherine di protezione.

La replica dei tifosi

Sulla pagina Facebook "A tua difesa" dei tifosi azzurri c'è chi si lamenta. "Secondo voi è giusto che mio nipote ha fatto due biglietti per lui e il suo bambino, son capitati uno ad est e l’altro ad ovest poiché c’è impossibilità di scegliere i posti e avrebbero quindi dovuto vedere la partita cosi distanti? Siamo all’assurdo, la verità è che dai social fate tutti i finti perbenisti senza però immedesimarvi mai nelle realtà". Mentre c'è chi critica l'organizzazione: "Servirebbe un maggior coordinamento, ci sono le code anche all'esterno dello stadio".

27552 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni