Un grande focolaio è scoppiato in una residenza per anziani di Napoli: 48 positivi sono stati riscontrati nella rsa Istituto Povere Figlie della Visitazione di Maria, che sorge in viale Colli Aminei, zona collinare del capoluogo campano. I 48 casi di positività sono emersi dall'analisi di 225 tamponi effettuati nella giornata di ieri: stando a quanto si apprende, i positivi sono quasi tutti asintomatici, tranne per qualche caso che presenta lievi sintomi, come febbre, e si trovano attualmente in isolamento all'interno della struttura stessa. Nel frattempo, l'Asl sta tenendo costantemente sotto controllo la situazione, cercando di creare percorsi che isolino i positivi dai negativi, in modo da evitare che gli altri residente della casa di riposo possano a loro volta contagiarsi. La struttura è organizzata su tre livelli: al primo piano si trova la Comunità Tutelare, che ospita 39 utenti e 16 suore; al secondo piano c'è la rsa, che ospita 40 anziani, mentre al terzo piano si trova la casa albergo che ospita altre 38 persone. Chiuso l'accesso a parenti e visitatori, mentre sono state sospese le funzioni religiose.

Dall'inizio della pandemia, le rsa sono state molto colpite, anche a causa dell'età avanzata delle persone ospitate. Negli ultimi giorni, un focolaio è stato riscontrato anche in una casa di riposo di Portici, nella provincia di Napoli, dove all'inizio del mese di ottobre sono emersi 58 positivi: si tratta di 42 pazienti (tra cui una donna di 102 anni) e di 16 operatori che lavorano presso la struttura. Fatta eccezione per il primo uomo contagiato, ricoverato in ospedale, tutti gli altri positivi risultano asintomatici o paucisintomatici.