La comunità di Afragola è in lutto per la morte di Rodolfo Orefice, stroncato da un malore a soli 39 anni. L'uomo, volontario della Croce Rossa, molto conosciuto in città, stava guidando un'ambulanza quando, in via Friuli ad Afragola, è stato colto da un improvviso malore, un infarto, che non gli ha lasciato scampo: quando è stato soccorso, infatti, il 39enne era già morto. L'uomo ha fatto in tempo a scendere dal mezzo di soccorso, ma si è accasciato subito sull'asfalto, senza vita. Sul luogo della tragedia sono intervenute anche le forze dell'ordine che, come da prassi, hanno svolto tutti i rilievi del caso. La notizia della prematura scomparsa di Rodolfo ha fatto rapidamente il giro della città, lasciando attoniti quanti lo conoscevano, che gli hanno dedicato un messaggio sui social network.

Tra quanti hanno ricordato il 39enne anche il Comitato Napoli Nord della Croce Rossa Italiana, presso il quale Rodolfo Orefice, come detto, svolgeva servizio volontario. "Tragicamente, si è spenta oggi la vita del nostro caro amico e collega Rodolfo Orefice. Sempre attivo e partecipe, ci ha insegnato col suo percorso cosa significhi il sacrificio e la dedizione verso il prossimo, perdendo la vita proprio durante una delle attività di volontariato. Il Comitato partecipa commosso alla terribile perdita della sua famiglia". Non solo in Campania, anche altri comitati della Croce Rossa si sono stretti intorno ai colleghi e alla famiglia di Rodolfo per l'improvvisa perdita: "Volontario attivo e partecipe, lascia un vuoto, ma anche l'esempio di grande umanità" scrivono i giovani volontari della Cri del Comitato di Rieti.