Nei giorni del caos ambulanze e dell'impennata dei contagi, tra giovedì 1 e sabato 17 ottobre, il sistema sanitario della Regione Campania si è "perso" 21 morti di Covid-19. Le ulteriori vittime sono state infatti conteggiate solo nel bollettino di oggi, lunedì 19 ottobre portando a quota 522 la triste contabilità dei morti per il Nuovo Coronavirus in Campania. Come sia stato possibile saltare in un quotidiano computo di malati, guariti e vittime ben ventuno morti è tutto ad capire. A quanto apprende Fanpage.it potrebbe esserci stata una impennata di denunce di familiari e conseguenti autopsie, tuttavia non si spiega come mai così tanti decessi siano stati ‘saltati' dal quotidiano computo.

Oggi è stata la nuova giornata di tristi record: quello, appunto, delle vittime, ma anche quello dei contagi, con 1.593 i nuovi casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Campania, dato più alto registrato in un sol giorno dall'inizio dell'emergenza ovvero dallo scorso mese di marzo. Dei nuovi positivi, 79 sono sintomatici e 1.514 sono asintomatici. Sono stati analizzati 12.695 tamponi. Il totale dei positivi sale a 27.412, mentre i tamponi complessivamente analizzati sono 778.882.  Tra i nient'affatto invidiabili record odierni c'è anche quello relativo ai posti letto: la Campania è attualmente in Italia terza per ricoveri, seconda per intensiva, attualmente positivi e isolamento domiciliare. Lo stress cui è sottoposto il sistema sanitario locale ha determinato il blocco dei ricoveri per interventi ambulatoriali e ospedalieri non vitali alla sopravvivenza e alle prestazioni non di tipo vitale e oncologico.