25 Ottobre 2021
21:03

L’altare con le ceneri di Emanuele Sibillo simbolo del clan: indagati genitori del baby boss ucciso

I genitori di Emanuele Sibillo, il baby boss ucciso in un agguato di camorra nel 2015, sono indagati per violenza privata ed estorsione aggravati dall’agevolazione e dal metodo mafioso per l’altarino che era stato posizionato nel cortile dello stabile dove vivono: con un busto del ragazzo e l’urna delle ceneri, per gli inquirenti serviva ad alimentare la leggenda di “ES17” ed era simbolo del potere del clan.
A cura di Nico Falco

I genitori di Emanuele Sibillo sono indagati dalla Direzione Distrettuale Antimafia per estorsione e violenza privata aggravati dall'agevolazione e dal metodo mafioso in concorso. Il procedimento ruota intorno all'altarino con le ceneri del baby boss di camorra, rimosso ad aprile: allestito in uno spazio comune nel cortile interno dello stabile dove risiede la famiglia, al civico 26 di via Santissimi Filippo e Giacomo, per gli inquirenti non rappresentava soltanto un modo per ricordare il ragazzo morto ma era invece un "elemento di identificazione e rafforzamento del gruppo criminale nonché luogo di commissione di reati". Vincenzo Sibillo, 55 anni, è difeso dagli avvocati Rolando Iorio del foro di Avellino e Dario Carmine Procentese del foro di Napoli, mentre la moglie, Anna Ingenito, 50 anni, è difesa dall'avvocato Iorio.

“C’è un profondo senso di amarezza per come la Dda ha interpretato il fatto storico – commenta a Fanpage.it l’avvocato Dario Carmine Procentese – perché, per quelli che sono gli elementi in nostro possesso non c'è stata nessuna imposizione estorsiva, tantomeno di tipo mafioso. Aspettiamo con trepidazione il processo per dimostrare l'insussistenza dell'ipotesi".

Chi era il baby boss Emanuele Sibillo, Es17

Emanuele Sibillo è stato ucciso in un agguato nel 2015. Era a capo, insieme al fratello Pasquale, di un sottogruppo camorristico legato al clan Contini e quindi all'Alleanza di Secondigliano. In quel periodo era nel pieno la guerra di camorra contro i Buonerba, che erano invece emanazione del clan Mazzarella. Il 2 luglio 2015 fu colpito a morte in via Oronzio Costa; inutile la corsa al vicino Loreto Mare: al Pronto Soccorso arrivò già senza vita, ucciso da un'unica pallottola che lo aveva centrato alla schiena.

La sua morte aveva però definitivamente lanciato la mitizzazione: il ragazzo, 20 anni non ancora compiuti, in quel momento aveva smesso di essere Emanuele Sibillo e nell'agiografia di camorra era diventato ES17. Un simbolo, quasi un santo a cui votarsi e, soprattutto, a cui mostrare rispetto: una operazione di marketing in salsa camorristica che ha trasformato la vita bruciata di un ragazzo in una leggenda che si autoalimenta.

Emanuele Sibillo
Emanuele Sibillo

L'altarino del baby boss davanti alla casa dei Sibillo

In questo alone quasi mistico che circondava la figura del baby boss ucciso l'altarino aveva, per gli inquirenti, un ruolo fondamentale. Era stato costruito abusivamente in uno spazio sottratto agli altri condomini, le luci venivano alimentate a spese del condominio. C'era un busto, con le fattezze di Emanuele Sibillo, davanti al quale si doveva rendere omaggio; anche in ginocchio, quando, hanno rivelato le indagini, si veniva portati al cospetto dei familiari del baby boss per pagare il pizzo. E, proprio come avviene per i santi, c'era anche la reliquia: in quel manufatto era stata posizionata l'urna con le ceneri.

I genitori di Emanuele Sibillo indagati per camorra

I genitori di Emanuele Sibillo, scrive la Direzione Distrettuale Antimafia nell'avviso di conclusione delle indagini a carico di Vincenzo Sibillo e Anna Ingenito, in concorso tra loro e con altri da identificare, si erano appropriati di uno spazio condominiale del cortile, in parte già destinato dai residenti alla devozione di una immagine religiosa già collocata, e avevano "realizzato un manufatto in alluminio, chiuso a chiave ed a loro uso esclusivo, nel quale collocavano, all'interno di una teca, l'urna cineraria di Sibillo Emanuele, capo indiscusso del clan Sibillo, nonché un busto che lo raffigurava".

In questo modo, continua la Dda, "costringevano i condomini e i proprietari degli immobili a subire la spoliazione del diritto di comproprietà e di uso della cappella votiva, peraltro illuminata a spese del condominio, nonché della concreta disponibilità dello spazio abusivamente occupato" traendone un ingiusto profitto, approfittando "delle condizioni di omertà, paura e assoggettamento ingenerati dalla loro nota appartenenza al clan Sibillo".

Per gli inquirenti l'altarino non serviva a ricordare il ragazzo in quanto tale: sarebbe infatti stato realizzato "al fine di agevolare l'attività di detta associazione camorristica e di realizzarne i relativi programmi criminali, utilizzando l'edicola, destinata al culto della figura di Emanuele Sibillo, quale elemento di identificazione e rafforzamento del gruppo criminale nonché quale luogo di commissione dei reati".

 
La testa in cera del baby boss Emanuele Sibillo esposta al Museo criminologico
La testa in cera del baby boss Emanuele Sibillo esposta al Museo criminologico
Faida di Napoli Est, il pentito del clan: "Annamaria supplicava, il boss la fece inginocchiare e le sparò"
Faida di Napoli Est, il pentito del clan: "Annamaria supplicava, il boss la fece inginocchiare e le sparò"
Napoli, vendetta del boss tradito dalla moglie: così è nata la faida di camorra a San Giovanni a Teduccio
Napoli, vendetta del boss tradito dalla moglie: così è nata la faida di camorra a San Giovanni a Teduccio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni