Covid 19
27 Giugno 2021
8:30

La situazione di domenica 27 giugno sul Coronavirus in Campania

Contagi in leggero aumento nell’ultimo bollettino diramato dalla Regione Campania: 127 nuovi positivi e un tasso di incidenza che sale all’1,71%. A partire da domani, intanto, come stabilito da un’apposita ordinanza del governatore De Luca, le mascherine restano obbligatorie anche all’aperto, se non è possibile il distanziamento.
A cura di Valerio Papadia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Un lieve aumento dei contagi si è registrato in Campania, secondo gli ultimi dati dell'Unità di Crisi regionale: sono 127 i nuovi casi registrati. Aumenta, di conseguenza, anche il tasso di incidenza – il rapporto tra i nuovi positivi e i tampono analizzati – che sale all'1,71%, in rialzo rispetto al trend dei giorni precedenti. In Campania, inoltre, stando agli ultimi dati, si sono registrati anche 20 decessi: come ha precisato l'Unità di Crisi, però, non si è registrato nessun morto nelle ultime 48 ore, ma i decessi si riferiscono ai giorni precedenti e sono stati registrati soltanto nell'ultimo bollettino.

In Campania restano obbligatorie le mascherine

A partire da domani, lunedì 28 giugno, come stabilito dal Governo, le mascherine non saranno più obbligatorie all'aperto. Non sarà così in Campania, o almeno, non sempre. Come stabilito da un'apposita ordinanza del governatore Vincenzo De Luca – la  numero 19 del 25 giugno 2021 – su tutto il territorio regionale le mascherine restano obbligatorie, anche all'aperto, se non è possibile mantenere il distanziamento sociale.

Ecco cosa stabilisce l'ordinanza della Regione Campania: "In conformità a quanto previsto dall’ordinanza del ministro della Salute 22 giugno 2021  l’obbligo di utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie, anche all’esterno, resta fermo, tra l’altro, in ogni situazione in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o quando si configurino assembramenti o affollamenti. L’utilizzo dei detti dispositivi resta pertanto obbligatorio, sul territorio regionale, in ogni luogo non isolato – ad es. nei centri urbani, nelle piazze, sui lungomari nelle ore e situazioni di affollamento- nonché nelle file, code, mercati o fiere ed altri eventi, anche all’aperto, nonché nei contesti di trasporto pubblico all'aperto quali traghetti, battelli, navi".

32157 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni