La moglie di Marco Marrandino, ucciso insieme al fratello Claudio: “I nostri figli non avranno la fortuna di viverti”

Un lungo abbraccio, quello della comunità di Cesa ha accompagnato i feretri di Marco e Claudio Marrandino, i due fratelli uccisi nel Casertano il 15 giugno per strada. Nessuno vuole vendetta, ma giustizia e verità.
A cura di Luca Leva
2.134 CONDIVISIONI
Le vittime
Le vittime

Si sono svolti a Cesa i funerali di Marco e Claudio Marrandino, rispettivamente avvocato  e imprenditore edile, uccisi lo scorso 15 giugno a colpi d’arma da fuoco mentre erano in macchina sull’Asse Mediano, all’uscita della Nola -Villa Literno. Nel giorno dei funerali il sindaco di Cesa, Vincenzo Guida, ha proclamato il lutto cittadino e diverse migliaia sono state le persone che hanno riempito la chiesa e la piazza antistante per l’ultimo saluto ai fratelli che tutti ricordano come brave persone.

La verità non è ancora arrivata – ha detto il sindaco durante il suo intervento al termine della messa – ma questa è una mia personale opinione. Certo, chi conosceva Marco e Claudio sa che non avrebbero mai intrapreso un diverbio per motivi di viabilità. E allora io rinnovo il mio invito a questa persona, affinché racconti realmente cosa sia successo”

Anche la moglie di Marco, prima dell’uscita dei feretri, ha voluto dedicare alcune parole al marito. “Ero felice con te – ha detto commossa – la nostra vita insieme era improntata al rispetto reciproco , all’aiuto, alla dedizione. Incredibile quello che ci è capitato. Io sono stata sempre orgogliosa e fiera di essere la moglie di Marco Marrandino e lo sapevi. Purtroppo i nostri figli non avranno la fortuna di viverti e di raccontarti le loro esperienza. Che ironia, nella tua immensa vita hai aiutato e supportato tutti, ma non aiuterai e supporterai i tuoi figli”
La richiesta di verità e giustizia è arrivata anche dagli amici dei fratelli. “Qui in questa chiesa nessuno cerca vendetta – ha sottolineato un amico di Marco – cerchiamo tutti giustizia attraverso la verità. Perché dobbiamo ridare dignità alla nostra terra, dobbiamo farlo per Marco e Claudio, per i figli di Marco e per i figli di tutti noi”.

Ieri, sempre a Cesa, la comunità si è riunita per ricordare i due fratelli con una fiaccolata, che è poi terminata davanti la casa della famiglia dei due.

2.134 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views