450 CONDIVISIONI
Covid 19
8 Gennaio 2022
18:31

Il Tar Campania alla Regione: entro lunedì depositi i documenti sui contagi per motivare la chiusura delle scuole

Entro lunedì la Regione dovrà motivare il provvedimento di chiusura scuole davanti al TAR o l’ordinanza potrebbe finire annullata.
A cura di Ciro Pellegrino
450 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Entro le ore 11 di lunedì 10 gennaio la regione Campania dovrà consegnare al tribunale amministrativo tutta la documentazione che motiva la decisione di chiudere le scuole fino al 29 gennaio. Altrimenti l'ordinanza firmata dal Presidente Vincenzo De Luca potrebbe essere annullata.

È quanto si evince dal decreto emesso oggi dal Tribunale Amministrativo Regionale della Campania Sezione Quinta (presidente Maria Abruzzese) sul ricorso proposto dagli avvocati Giacomo Profeta e Luca Rubinacci, che si oppongono alla decisione regionale di rimettere tutti gli studenti di materne, elementari e medie inferiori, in Dad.

Come già accaduto in passato la giustizia amministrativa chiede all'ente regionale di motivare adeguatamente la propria decisione:

Considerato che l’Ordinanza in questione, per quanto rileva, motiva l’esigenza della disposta sospensione facendo diffuso riferimento a dati, report e acquisizioni istruttorie non disponibili agli atti del giudizio che è opportuno, in ragione della rilevanza della questione, che vengano portati all’attenzione del giudicante fin dalla fase cautelare che ne occupa

Dunque, ai fini della decisione sull’istanza cautelare, la Regione Campania dovrà esibire in giudizio gli atti pertinenti e rilevanti a presupposto dell’ordinanza impugnata, nel contempo deducendo quant’altro utile ai fini della decisione

onde consentire la tempestiva delibazione della proposta istanza cautelare monocratica in tempi compatibili con la richiesta tutela urgente.

Non solo: dice il Tar che l'ente guidato da De Luca deve anche giustificare l’adozione dell’ordinanza impugnata in sostanziale concomitanza con l’entrata in vigore del decreto legge del 5 gennaio 2022 che individua, per quanto rileva, specifiche «modalità di erogazione dei servizi scolastici ed educativi e regolamenta anche gli adempimenti successivi all’eventuale accertamento di casi di positività in costanza di emergenza pandemica».

Anche il governo ieri aveva fatto sapere di voler impugnare il provvedimento regionale: per avviare l'atto e dunque sancire il conflitto fra Stato e Regione non c'è nemmeno bisogno di un provvedimento da far passare in consiglio dei ministri.

450 CONDIVISIONI
31019 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni