120 CONDIVISIONI
Covid 19
14 Ottobre 2020
16:07

Il Covid Hospital di Boscotrecase quasi pieno: “Adesso temiamo per i ricoveri ordinari”

Quasi saturo il Covid Hospital di Boscotrecase: restano disponibili solo 7 posti letto ordinari, 5 in subintensiva e 7 in terapia intensiva. Paura ora per i possibili disagi ai pazienti ordinari. Intanto, l’ospedale entra nella “Fase 3”, con un aumento entro metà novembre di posti letto e di personale medico.
A cura di Giuseppe Cozzolino
120 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il Covid Hospital di Boscotrecase quasi pieno: restano solo 7 posti letto ordinari, 5 in subintensiva e 7 in terapia intensiva. E ora si teme per i ricoveri ordinari. A lanciare l'allarme è Gennaro Sosto, direttore generale dell'Asl Napoli 3 Sud che si occupa della provincia orientale e meridionale di Napoli, una delle più colpite dalla seconda ondata di coronavirus. La paura è che la saturazione dei posti letti possa portare disagi ai pazienti che hanno bisogno di altre cure e affetti già da altre patologie.

Al momento, la situazione del Covid Hospital disegnata dal dottor Sosto, vede 54 posti letti ordinari disponibili, di cui 47 già occupati; sui 20 in terapia subintensiva, sono invece 15 i posti occupati; infine, sono 5 i posti occupati sui 13 totali della terapia intensiva. E così il Covid Hospital di Boscotrecase è entrato in quella che viene definita Fase 3, che prevede l'ampliamento dei posti all'interno dell'ospedale. Entro i primi dieci giorni di novembre, il nosocomio vesuviana dovrebbe ampliare i propri posti letto, ed in particolare quelli di subintensiva oltre a quelli ordinari. Ma si punta anche a trovare nuove risorse come medici ed infermieri, per alleggerire il carico di lavoro su quelli già presenti. Una situazione, quella dell'ospedale Sant'Anna e Santissima Maria della Neve di Boscotrecase convertito a Covid Center per fronteggiare la pandemia, comune anche ad altri ospedali della regione Campania. Come spiegato anche dai fisici campani che hanno analizzato i dati di questa seconda ondata, report ospitato nelle scorse ore proprio su Fanpage.it, il timore è proprio per la carenza di medici ed infermieri, oltre che di personale sanitario di altro tipo.

120 CONDIVISIONI
28133 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni