2.459 CONDIVISIONI
Tabaccaio ruba Gratta e vinci da mezzo milione a Napoli
6 Settembre 2021
19:10

Gratta e Vinci rubato a Napoli, il tabaccaio finisce in carcere: fermo per furto e tentata estorsione

È stato sottoposto a fermo Gaetano Scutellaro, l’uomo accusato di avere rubato un Gratta e Vinci da 500mila euro a una donna che l’aveva acquistato nella tabaccheria intestata alla moglie nella zona di Materdei, nel centro di Napoli; è ritenuto responsabile di furto pluriaggravato e di tentata estorsione ai danni della donna. Il biglietto è stato ritrovato in una banca di Latina e sequestrato.
A cura di Nico Falco
2.459 CONDIVISIONI
Gaetano Scutellaro
Gaetano Scutellaro
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Tabaccaio ruba Gratta e vinci da mezzo milione a Napoli

I carabinieri della Compagnia Stella hanno sottoposto a fermo Gaetano Scutellaro, l'uomo accusato di avere rubato il Gratta&Vinci da 500mila euro a una settantenne che aveva acquistato il tagliando vincente nella tabaccheria della moglie, a Materdei, nel centro di Napoli. L'uomo è accusato di furto pluriaggravato e di tentata estorsione ai danni della donna. Il provvedimento, eseguito dai militari, è stato disposto dalla Procura della Repubblica di Napoli (sostituto procuratore Daniela Varone e dall'aggiunto Pierpaolo Filippelli). Il 57enne è stato intercettato dai carabinieri sull'Autostrada A1, all'altezza di Teano (Caserta) mentre viaggiava in direzione Napoli; verrà accompagnato nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

Il biglietto vincente è stato recuperato presso una filiale bancaria di Latina e posto sotto sequestro. La vicenda è cominciata sabato mattina, quando una anziana si è presentata nella tabaccheria di Materdei con il biglietto da mezzo milione di euro. La donna, hanno ricostruito i carabinieri, lo aveva mostrato a un dipendente della tabaccheria dove lo aveva acquistato, che lo aveva validato. Il tagliando era stato poi mostrato anche a Scutellaro (inizialmente identificato come tra i titolari della tabaccheria), che però l'aveva intascato, era saltato sullo scooter ed era scappato. L'anziana aveva sporto denuncia, ma l'uomo si era reso introvabile.

Scutellaro è stato intercettato dalla Polaria nell'aeroporto di Fiumicino, a Roma, in procinto di partire per Fuerteventura, alle Canarie. Sono stati avvisati i carabinieri, che lo hanno raggiunto e lo hanno denunciato a piede libero. Non aveva il biglietto con sé: ha poi riferito di averlo depositato in una cassetta di sicurezza di una banca di Latina, dove si era fermato prima di raggiungere l'aeroporto e dove aveva aperto un conto corrente e una polizza assicurativa sulla vita. Intanto, l'agenzia dei Monopoli aveva bloccato la riscossione del biglietto e avviato le pratiche per la sospensione della licenza per la tabaccheria perché, aveva fatto sapere Stefano Saracchi, direttore dell'Ufficio Giochi Numerici e Lotterie, al terminale di validazione lavora "un soggetto collegato da un rapporto di parentela con il titolare".

Successivamente Scutellaro ha fornito la sua versione dei fatti: ha detto di essere il proprietario del biglietto vincente, di averlo fatto comprare da un conoscente nella tabaccheria e di avere chiesto alla signora di incassarlo, non essendo più in buoni rapporti con la ex moglie; ha detto che inizialmente credeva che la vincita fosse di soli 500 euro e, una volta scoperto della somma, di avere recuperato il biglietto per andare ad incassare, spostandosi a Latina perché aveva paura di restare a Napoli; ha aggiunto di non sapere della denuncia e di avere intenzione di sporgere una controquerela nei confronti dell'anziana.

(ultimo aggiornamento: 6 settembre ore 19:10)

2.459 CONDIVISIONI
Gratta e Vinci rubato a Napoli, l'anziana ha ricevuto i soldi e ringrazia: "Caso gestito con professionalità"
Gratta e Vinci rubato a Napoli, l'anziana ha ricevuto i soldi e ringrazia: "Caso gestito con professionalità"
Com'è finita la storia del Gratta e Vinci da mezzo milione a Napoli? La vincitrice costretta a lasciar casa
Com'è finita la storia del Gratta e Vinci da mezzo milione a Napoli? La vincitrice costretta a lasciar casa
Avvelenati dal gioco d'azzardo: storie di ludopatici che hanno perso tutto e provano a rialzarsi
Avvelenati dal gioco d'azzardo: storie di ludopatici che hanno perso tutto e provano a rialzarsi
89.941 di Carmine Benincasa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni