7 Ottobre 2021
10:38

“Gli Amato-Pagano chiesero a Imperiale un bazooka per uccidere Paolo di Lauro e i figli a Capodanno”

Il clan Amato-Pagano avrebbe avuto intenzione di uccidere Paolo Di Lauro e i figli nel Capodanno 2003, approfittando del fatto che il boss si sarebbe riunito con la famiglia. I capiclan avrebbero ordinato le armi al narcotrafficante Raffaele Imperiale e mandato un affiliato in Olanda ad addestrarsi col bazooka. Le rivelazioni del pentito Esposito.
A cura di Nico Falco

Non solo droga, ma anche armi. Per combattere contro i Di Lauro, per conquistare Secondigliano e poi per far arrivare fiumi di droga a getto continuo, gli Amato-Pagano avrebbero avuto un solo punto di riferimento: Raffaele Imperiale, che insieme al socio Mario Cerrone sarebbe stato capace di spostare montagne di cocaina ma anche carichi di kalashnikov e persino un bazooka che avrebbe dovuto essere usato per uccidere Paolo Di Lauro e i suoi figli in un attentato clamoroso.

Il retroscena dell'attentato che avrebbe dovuto spazzare via la famiglia Di Lauro, e sancire il controllo degli Scissionisti su Napoli nord, è stato raccontato dal pentito Biagio Esposito, ex dei Di Lauro e poi passato agli "Spagnoli" durante la faida di Scampia. Quel tradimento portò a una vendetta trasversale nel pomeriggio del 30 ottobre 2004: il patrigno di Esposito, Salvatore De Magistris, fu pestato a morte e dopo investito con una motocicletta, secondo gli inquirenti fu torturato perché rivelasse il nascondiglio del figliastro. L'uomo morì circa un mese dopo in ospedale, il 28 novembre. Per quell'omicidio a marzo 2021 è arrivata una ordinanza di custodia cautelare in carcere per il boss Marco Di Lauro, il fratello minore Nunzio e Antonio Mennetta, il boss della Vanella Grassi.

Da Raffaele Imperiale il bazooka per uccidere i Di Lauro

Esposito ha raccontato di un summit tra Raffaele Imperiale, per gli inquirenti "pilastro" degli Scissionisti, e i boss Cesare Pagano e Lello Amato che sarebbe avvenuto in un ristorante di Barcellona, successivamente acquistato da Pagano. In quella circostanza i capiclan, che tramite il narcotrafficante facevano arrivare fino a 400 chili di cocaina alla volta a Napoli, avrebbero chiesto kalashnikov, pistole semiautomatiche, pistole a tamburo e munizioni, e Imperiale, detto ‘o Parente, "si disse assolutamente in grado di fornirgli le armi per la guerra" contro i Di Lauro.

Secondo Esposito le armi di Imperiale, acquistate in Olanda, sarebbero servite agli Scissionisti almeno tra il 2004 e il 2007. Sempre a Lelluccio Ferrarelle si sarebbero rivolti i boss per un attentato che avrebbe dovuto essere clamoroso (e che non è stato mai eseguito): stavano progettando di uccidere il boss rivale, Paolo Di Lauro, insieme a tutti i figli. L'occasione sarebbe stata il Capodanno 2003, quando sapevano che la famiglia si sarebbe riunita. "Un uomo degli Amato-Pagano – ha detto il collaboratore di giustizia – andò da Lelluccio ‘o parente in Olanda, per addestrarsi ad usare il bazooka".

Agguato nel ristorante a Melito, ucciso uomo degli Amato-Pagano
Agguato nel ristorante a Melito, ucciso uomo degli Amato-Pagano
Apre il loculo di famiglia e trova un cadavere insanguinato:
Apre il loculo di famiglia e trova un cadavere insanguinato: "Addosso al corpo di mio padre"
Maltempo in Campania, prorogata l'allerta meteo per l'intera giornata di domani
Maltempo in Campania, prorogata l'allerta meteo per l'intera giornata di domani
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni