Sta per saltare il piano vaccinale predisposto dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, ovvero dopo aver vaccinato contro il Coronavirus  80enni, 70enni e categorie fragili  procedere  per «categorie economiche» vaccinando gli operatori turistici alberghieri regionali e altre categorie (addetti ai supermercati, dipendenti dei Comuni, postini e così via, come dichiarato dallo stesso governatore venerdì scorso).

È di ieri la notizia di una nuova ordinanza firmata dal Generale di Corpo d’Armata Francesco Figliuolo, commissario straordinario per l'emergenza Covid-19 in Italia. Sostanzialmente l'ordinanza ribadisce un concetto : i vaccini saranno somministrati a categorie fragili (ed eventuali caregiver) e poi solo ed esclusivamente per fasce d'età.

− persone di età superiore agli 80 anni;
− persone con elevata fragilità e, ove previsto dalle specifiche indicazioni contenute alla Categoria 1, Tabella 1 e 2 delle citate Raccomandazioni ad interim, dei familiari conviventi, caregiver, genitori/tutori/affidatari; − persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni e, a seguire, di quelle di età compresa tra i 60 e i 69 anni,
utilizzando prevalentemente vaccini Vaxzevria (precedentemente denominato COVID-19 Vaccine AstraZeneca) come da recente indicazione dell’AIFA.
Parallelamente alle suddette categorie è completata la vaccinazione di tutto il personale sanitario e sociosanitario, in prima linea nella diagnosi, nel trattamento e nella cura del COVID-19 e di tutti coloro che operano in presenza presso strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private.

A seguire, sono vaccinate le altre categorie considerate prioritarie dal Piano nazionale, parallelamente alle fasce anagrafiche secondo l’ordine indicato. Le persone, che hanno già ricevuto una prima somministrazione, potranno completare il ciclo vaccinale col medesimo vaccino.

Per questo già oggi in due delle tre principali isole del golfo di Napoli che avrebbero dovuto iniziare, su indicazione della Regione, il vaccino di massa, è stato dato lo stop. Il direttore generale della ASL Napoli 2 Nord Antonio D'Amore ha infatti chiarito che da lunedì prossimo, in funzione delle indicazioni ricevute dal ministero della Salute, l'Azienda sanitaria procederà alle vaccinazioni degli over 60 e proseguirà quelle domiciliari degli over 80 ma non si potrà iniziare a vaccinare il resto dei residenti sulle isole per i quali era anche stata aperta la piattaforma regionale per prenotare il vaccino.