immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Erano arrivati nel centro di Napoli dalla provincia di Salerno, con l'intenzione di comprare droga da rivendere una volta tornati a casa. I carabinieri li hanno intercettati nel centro città, in piazza Trieste e Trento, a notte fonda, durante i controlli predisposti dal Comando Provinciale per garantire il rispetto delle normative anti Covid-19: perquisiti, li hanno trovati in possesso di stupefacenti e di soldi. In manette sono finiti due ragazzi di 36 e 24 anni, rispettivamente di Angri e di San Marzano sul Sarno.

I due sono stati notati da un pattuglia della stazione Quartieri Spagnoli intorno all'una e mezza del mattino all'altezza di piazza Trieste e Trento, poco più avanti di piazza del Plebiscito. Il coprifuoco era già in vigore da diverse ore, la zona era deserta. I militari li hanno fermati per un controllo, per verificare per quale motivo fossero ancora in strada. E hanno così scoperto che nessuno dei due abitava nelle vicinanze; alle richieste di chiarimento sulla loro presenza la coppia ha fatto scena muta, motivo che ha ancora di più insospettito i carabinieri, che hanno quindi optato per un controllo più approfondito, perquisizioni personale e del veicolo comprese.

Sono stati così rinvenuti dell'hashish, 3 involucri contenenti eroina, un taglierino ancora sporco di sostanza stupefacente, un bilancino di precisione e 190 euro. Secondo l'ipotesi seguita dagli investigatori i due, residenti a parecchi chilometri di distanza da Napoli, erano arrivati a notte fonda sperando di passare inosservati e con l'obiettivo di rifornirsi di droga da rivendere nei loro comuni. Gli stupefacenti e il materiale da confezionamento sono stati sequestrati, per il 36enne e il 24enne è scattato l'arresto con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio e sono stati trasportati in caserma in attesa di giudizio.