Una rissa tra ragazzini che solo per caso non ha avuto epiloghi peggiori quella avvenuta davanti all'Anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere, uno dei ritrovi della movida della cittadina casertana. Non è chiaro cosa sia accaduto: fatto sta che la rissa è esplosa in pochi attivi ed ha portato al ferimento di due 16enni, fortunatamente in maniera non grave, uno dei quali raggiunto da una coltellata ad un fianco e l'altro colpito alla testa da un oggetto. I gruppi si sono poi "sciolti" all'arrivo dei carabinieri, che ora stanno cercando di fare chiarezza sull'intera vicenda.

Tutto è accaduto in pochi minuti, per cause ancora da chiarire. I due gruppi, piuttosto numerosi, erano entrambi nell'area antistante l'Anfiteatro Romano di Santa Maria Capua Vetere, quando improvvisamente si è scatenata la rissa. Ad un certo punto, però, è spuntato fuori un coltello, con un 16enne raggiunto da un fendente al fianco, che per fortuna non è andato in profondità ma lo ha ferito soltanto di striscio. Un altro 16enne è stato invece ferito alla testa da un oggetto contundente, che non è stato ancora ritrovato dai militari dell'arma. Proprio l'arrivo dei carabinieri sul posto ha portato alla "dispersione" del gruppo, con tutti i giovani presenti che si sono dati alla fuga. I ragazzi, feriti in maniera non grave, sono stati quindi soccorsi. Si tratta di due giovani della vicina Marcianise, probabilmente presi di mira da un gruppo "del posto". Si cerca di capire se le telecamere di videosorveglianza presenti nella zona, monitorata anche in qualità di sito archeologico di altissimo valore storico e culturale, possano aver ripreso i volti degli aggressori ed aiutare gli inquirenti a capire i motivi della rissa.