190 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 3 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 9 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
26 Settembre 2022
16:07

De Luca, si salva solo il figlio Piero. Bonavitacola e Cascone bocciati alle urne

Piero De Luca, figlio del governatore Vincenzo, rieletto alla Camera nel listino proporzionale di Salerno. Bocciati alle urne i due fedelissimi Fulvio Bonavitacola e Luca Cascone all’uninominale.
A cura di Pierluigi Frattasi
190 CONDIVISIONI
Piero De Luca, a sinistra, e Fulvio Bonavitacola, a destra
Piero De Luca, a sinistra, e Fulvio Bonavitacola, a destra
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Seggio confermato in Parlamento per Piero De Luca, figlio maggiore del governatore della Campania Vincenzo, rieletto alla Camera dei Deputati nel collegio plurinominale di Salerno, dove era capolista nel listino bloccato. Non ce la fanno, invece, i fedelissimi deluchiano Fulvio Bonavitacola e Luca Cascone, candidati nei collegi uninominali, rispettivamente di Salerno ed Eboli. Il vicepresidente della Regione Campania, candidato nel collegio uninominale di Salerno, viene superato dal candidato del Centrodestra Giuseppe Bicchielli, in quota Noi Moderati. Sono le due facce della medaglia del collegio salernitano, considerato fino a poco tempo fa il fortino blindato dei deluchiani. Non bastano però a Bonavitacola le 47.854 preferenze raccolte (26,43%) per aggiudicarsi uno scranno in Parlamento. Bicchielli ne raccoglie 65.643 (36,25%). E anche il Pd perde la sfida con Fratelli d'Italia, che diventa primo partito con 42.419 voti (23,43%), contro i 36.499 (20,16%) dei democrat.

De Luca: "Faremo opposizione seria"

Il seggio i Piero De Luca è scattato con il sistema proporzionale nel Collegio Plurinominale 02 della Circoscrizione Campania 2. "È stata una campagna elettorale in salita – commenta De Luca – In un momento di grande difficoltà economica e sociale. Le sfide erano difficili in partenza, soprattutto nei collegi uninominali e ringrazio il segretario Letta per non essersi risparmiato mai. Abbiamo dato il massimo. Rispettiamo il risultato elettorale e auguriamo buon lavoro alla coalizione che avrà l'onere e l'onore di governare il Paese. A noi la responsabilità di un'opposizione seria e decisa. Con spirito costruttivo, ma con determinazione e intransigenza se dovessero essere messi in discussione la collocazione europeista del Paese, così come diritti e libertà fondamentali. Abbiamo poi il dovere di aprire una riflessione chiara e decisa al nostro interno, in vista del prossimo congresso. È necessaria una scossa che riparta, anzitutto, dai territori.

Cascone battuto da Pierro

"Bocciato" alle urne anche Luca Cascone, consigliere ai Trasporti del governatore, candidato per il centrosinistra nel collegio uninominale di Eboli, che comprende tutto il Cilento. Cascone viene battuto da Attilio Pierro, candidato del centrodestra in quota Lega. Il distacco è ampio. Pierro raccoglie 69.309 voti (46,74%), mentre Cascone si ferma a 33.832 (22,81%). Eletta al Senato, invece, l'ex leader della Cgil, Susanna Camusso, capolista in Campania 2. Successo anche per Gianfranco Valiante, candidato al Senato nel PD per il collegio proporzionale Campania 2: "Campagna elettorale intensa e complessa, faticosa ma accompagnata dal calore, dalle motivazioni e dall'amicizia di tantissime persone che, in ogni luogo della nostra provincia, mi hanno assicurato incondizionato sostegno in un contesto complicato".

190 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni