Covid 19
28 Dicembre 2021
7:55

Covid in Campania, la situazione aggiornata di contagi e vaccini al 28 dicembre

Campania alle prese con l’aumento dei contagi Covid e del numero di infetti che finiscono in ospedale. Ondata di richieste per i tamponi rapidi in farmacia ma anche lunghe file per i vaccini.
A cura di Redazione Napoli
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

In Campania +6mila contagi Covid-19 in 3 giorni: dal 24 al 27 dicembre. Lo dicono i dati dell'osservatorio Gimbe che fissano a 40mila i contagiati in tutta la nostra regione. A Napoli città sono 6.347 le persone attualmente positive al Sars-CoV2. Il bollettino dell'unità di crisi regionale di ieri, fissava in 2.291 i nuovi positivi in Campania, con 14 morti. Balzo in avanti dei ricoverati: +30 in 24 ore, di cui +7 in intensiva e +23 in degenza ordinaria.

I dati dell'Agenzia sul sistema sanitario, Agenas, fissano al 7% il tasso d'occupazione delle terapie intensive in Campania, una spanna in meno rispetto al dato nazionale (10%). Di recente per tornare ad aumentare il numero di strutture disponibili sono state decise altre riaperture di reparti Covid, all'Ospedale del Mare, all'infettivologico Cotugno, si progetta una situazione del genere all'ospedale pediatrico Santobono. Se la variante Omicron, molto più contagiosa della Delta, dovesse continuare a mietere contagi su contagi il numero di infetti farebbe aumentare in proporzione anche gli ospedalizzati, rendendo nuovamente difficile la gestione dell'emergenza pandemica.

Ieri l'Asl Napoli 1 Centro ha diffuso i dati del contagio di Napoli quartiere per quartiere: l'area più colpita è quella dei quartieri dell'area Nord della città, in particolare Miano, con un tasso d'incidenza del 13,02%.

Il numero dei positivi e il tasso d'incidenza quartiere per quartiere:

  • Arenella: 5.240, 7,77%
  • Avvocata: 3.019, 8,85%
  • Bagnoli: 1.953, 8,54%
  • Barra: 3.921, 10,62%
  • Chiaia: 3.384, 8,47%
  • Chiaiano: 2.499, 10,86%
  • Fuorigrotta: 3.636, 9,40%
  • Mercato: 1.006, 10,08%
  • Miano: 3.006, 13,02%
  • Montecalvario: 2.320, 9,45%
  • Pendino: 1.644, 8,98%
  • Pianura: 5.891, 10,19%
  • Piscinola Marianella: 3.212, 11,29%
  • Poggioreale: 2.578, 8,41%
  • Ponticelli: 5.150, 10,03%
  • Porto: 401, 8,43%
  • Posillipo: 1.627, 7,22%
  • San Carlo all'Arena: 7.136, 10,18%
  • San Ferdinando: 1.547, 8,13%
  • San Giovanni a Teduccio: 2.439, 10,27%
  • San Giuseppe: 353, 6,60%
  • San Lorenzo: 4.318, 8,08%
  • San Pietro a Patierno: 1.964, 11,05%
  • Scampia: 3.987, 10,78%
  • Secondigliano: 4.796, 11,33%
  • Soccavo: 4.591, 10,35%
  • Stella: 2.798, 8,49%
  • Vicaria: 1.407, 9,28%
  • Vomero: 3.332, 7,52%
  • Zona Industriale: 444, 7,11%

Sul fronte tamponi, lunghe file in tutte le farmacie della Campania: molta gente chiede di sottoporsi a tampone antigenico o rapido per paura di non aver riconosciuto i sintomi del Covid. Anche i centri d'analisi sono presi d'assalto. Anche per i vaccini lunghe file ieri al distretto sanitario del Vomero e negli hub cittadini dove si accede senza prenotazione (e dove si somministra Moderna agli adulti per la terza dose e vaccino Pfizer ai bambini). Tantissime persone in fila ieri ricevere la terza dose anche all'Asl di Salerno. Nella lunga coda si sono generate tensioni e sul posto sono intervenuti i carabinieri.

Sul fronte turistico il rinnovato allarme pandemico sta causando i primi ricaschi negativi: i dati di Federalberghi dicono che a  Napoli per il Capodanno 2022 occupato solo il 55% delle camere. Il 75% dei visitatori viene dall'Italia. Assenti giapponesi e americani.

31047 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni