153 CONDIVISIONI
Covid 19
9 Gennaio 2022
22:46

Covid, il vescovo di Teano: “I preti No Vax non possono dare la comunione”

Il decreto del vescovo di Teano Giacomo Cirulli, che è anche medico: “Proibito a sacerdoti, religiosi e laici non vaccinati dare l’Eucarestia ai fedeli”
A cura di Pierluigi Frattasi
153 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

“I preti non vaccinati non possono dare la comunione”. È quanto prevede il decreto del vescovo di Teano, Giacomo Cirulli, firmato nelle ultime ore ed inviato a tutte le parrocchie della Diocesi di Teano-Calvi e Alife-Caiazzo, in provincia di Caserta. Nel provvedimento si dice che “è proibito a sacerdoti, religiosi e laici non vaccinati di dare l'Eucarestia ai fedeli”, a “causa dell'andamento dell'epidemia da Covid19, che continua a far registrare un numero crescente di casi positivi tra la popolazione”. Una misura di precauzione, insomma, quella presa dal porporato per evitare il diffondersi dei contagi da Covid19 nella comunità religiosa che amministra.

Stop al catechismo in presenza

Il vescovo di Teano Giacomo Cirulli, 69enne originario di Cerignola, in provincia di Foggia, è anche un medico, essendosi laureato in medicina e chirurgia all'Università "Federico II" di Napoli nel 1981.Insediatori nella Diocesi casertana nel 2017. Tra le altre misure previste dal decreto vescovile, si stabilisce anche che “durante le Celebrazioni, le ostie conservate nei vasi sacri devono essere coperte. Fino a nuova comunicazione è sospesa ogni attività pastorale, catechistica e formativa in presenza”. Monsignor Cirulli richiama anche le parole di Papa Francesco, che l'ha ordinato vescovo: “Vaccinarsi con vaccini autorizzati dalle autorità competenti è un atto d'amore. E contribuire a far sì che la maggior parte della gente si vaccini è un atto d'amore. Amore per se stessi, amore per familiari e amici, amore per tutti i popoli”. Il 29 dicembre scorso, con un altro decreto aveva vietato nelle chiese manifestazioni artistiche come concerti o altri eventi, e disposto l'accesso a numero chiuso, raccomandando vigilanza sull'uso delle mascherine e sanificazioni.

153 CONDIVISIONI
31057 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni