Ricoverata in ospedale al San Giuseppe Moscati di Avellino anche la madre del 15enne in gravi condizioni dopo aver contratto il coronavirus. La donna era risultata positiva così come il marito e l'altro figlio, che invece sono a casa, asintomatici ed in isolamento domiciliare. Lei, 42 anni, si trova ora nella Palazzina Alpi, adibita a Covid Hospital di riferimento per l'Avellinese.

Inizialmente, il 15enne era risultato positivo ma asintomatico. Poi, lunedì pomeriggio ha iniziato ad accusare difficoltà respiratorie, accompagnate da forte tosse: a quel punto per lui è scattato il ricovero in ospedale, mentre la famiglia è rimasta in isolamento domiciliare. Poi, nelle scorse ore, anche per la madre è scattato il ricovero. A preoccupare però sono le condizioni del giovane, che sono ancora gravi. Si aggrava così la situazione Covid in terra irpina: il giovane potrebbe aver contratto il virus a scuola, prima che queste venissero chiuse, assieme al fratello. La loro positività ha fatto scattare i controlli anche per i familiari, a loro volta positivi. Era stato però il 15enne l'unico ad aver sviluppato sintomi, che si sono poi aggravati lunedì. Questa mattina è invece toccato alla madre essere trasferita al primo piano di Palazzina Alpi, in un'altra stanza diversa da quella del figlio. Sempre ieri, al Moscati sono arrivate altre due persone, entrambe dal Napoletano: un 54enne di Marzano di Nola ed una 86enne di Nola, quest'ultima arrivata al Moscati pare per l'indisponibilità di strutture nel Napoletano. Salgono così a 39 i ricoveri nel Covid Hospital di Avellino, di cui 3 intubati nel reparto di Terapia Intensiva. Sono invece 8 i ricoveri nel reparto di Malattie Infettive. Restano quindi al momento 10 posti letto nella struttura irpina adibita a centro di riferimento per la lotta al Covid, in attesa dell'attivazione di nuovi posti letto da parte dell'autorità regionale.