3.164 CONDIVISIONI
Covid 19
24 Ottobre 2020
17:25

Coprifuoco, nuovi scontri a Napoli: cariche e lacrimogeni all’Unione Industriali. Ferito poliziotto

No al coprifuoco Covid, nuove tensioni a Napoli dopo la manifestazione di stanotte con violenti tafferugli. Scontri lacrimogeni dopo lancio di uova e di vernice rossa contro il palazzo dell’Unione degli Industriali nella centrale piazza dei Martiri. C’è un agente di polizia ferito. In piazza riders, sindacati autonomi e lavoratori dello spettacolo.
A cura di Redazione Napoli
3.164 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Ci sono altri scontri in piazza alle manifestazioni autoconvocate a Napoli, contro il lockdown e il coprifuoco anti-Covid dopo le violenze avvenute venerdì notte in zona Santa Lucia. Poco dopo le ore 16 è iniziata una mobilitazione  in piazza Dei Martiri davanti alla sede dell'Unione Industriali di Napoli che è degenerata dopo le 17 in cariche e scontri con lancio di lacrimogeni. C'è un agente di polizia ferito. Davanti Palazzo Partanna ci sono sigle dei disoccupati organizzati, Lavoratori dello spettacolo, Riders delle varie app che portano cibo a domicilio (Uber, JustEat, Glovo), sindacato Si Cobas, e Studenti; le cariche – riferiscono i reporter di Fanpage.it sul luogo – sono avvenute dopo un ripetuto lancio di uova e vernice rossa sul portone del palazzo di Confidustria, dove i carabinieri si sono subito schierati in assetto antisommossa. I manifestanti hanno provato a spostarsi in corteo per andare in prefettura passando dalla Regione per collocarsi in piazza del Plebiscito dove c'è il comitato Ordine e sicurezza con le massime autorità campane. Il corteo ha provato a "sfondare" il cordone di celere per partire in corteo e c'è stata una carica molto pesante cui è seguita un fitto lancio di oggetti: bottiglie, mazze, bombe carta che hanno ottenuto con risposta un lancio di lacrimogeni. I carabinieri hanno cercato di dirottare i manifestanti lato mare, verso via Calabritto e operare qualche fermo. I dimostranti si sono sparpagliati nei vicoli di Chiaia. Il corteo ha poi ripiegato verso via Filangieri in direzione piazza Amedeo.

Stamane in periferia Nord, a Chiaiano, zona che oltre dieci anni fa fu scenario di lunghe proteste anti-discarica, un autobus diretto nel vicino comune di Marano, della linea 165 di Anm è stato bloccato da diverse persone, quasi tutte col volto celato da mascherina , che hanno bloccato la strada.  Altre manifestazioni "a macchia di leopardo" potrebbero aver luogo sul territorio cittadino e anche nei vasti comuni del circondario partenopeo; ieri anche ad Ercolano mobilitazione e altre proteste nella zona Nord dell'hinterland

3.164 CONDIVISIONI
29673 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni