100 CONDIVISIONI
Covid 19
14 Gennaio 2022
11:45

Contagi e ricoveri, la Campania rischia la zona gialla Covid già da lunedì prossimo

La Campania si avvia a tornare zona gialla Covid con il 25,8% dell’occupazione in area medica e il 10,6% in terapia intensiva.
100 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Stando ai numeri dei bollettini quotidiani emessi dall'Unità di crisi, la Campania è già da un pezzo in zona gialla Covid; lo stesso presidente della Regione Vincenzo De Luca lo aveva detto qualche giorno fa: «Con questi numeri già saremmo dovuti essere zona gialla». E ora, dopo un'altra settimana di incremento dei contagi e dei ricoveri in area degenza e in terapia intensiva, la nostra regione sembra diretta verso il primo dei tre livelli di criticità (sono gialla, arancione e rossa) già a partire da lunedì 17 gennaio.

La possibilità emerge leggendo i dati delle tabelle del monitoraggio della cabina di regia sui dati relativi all'incidenza, all'occupazione in area medica e in terapia intensiva. La Campania si avvia a diventare gialla con il 25,8% dell'occupazione in area medica e il 10,6% in terapia intensiva.  Per il passaggio in zona gialla i parametri sono: occupazione dei posti letto ospedalieri nei reparti ordinari al 15% e terapie intensive al 10%. È dal 21 giugno scorso che la nostra regione era in zona bianca, ovvero senza restrizioni di alcun tipo. L'arrivo della variante Omicron, otto volte più contagiosa della Delta e i contagi a catena dei non vaccinati hanno ribaltato questa situazione.

Secondo i dati dell'Asl Napoli 1 Centro, nel solo capoluogo ci sono ancora 200mila persone che non hanno ricevuto nemmeno la prima dose di vaccino. E, ancora, 320mila persone non vaccinate sono nella fascia di età tra i 12 e i 19 anni, altre 8mila sono over 80. Nella fascia maggiormente a rischio, infine, ovvero oltre i 50 anni, ce ne sono 60mila. I dati dell'osservatorio Gimbe riferiscono che al momento in Campania ci sono 218mila persone positive al Covid-19.

 Cosa si può fare e cosa è proibito in zona gialla Covid

Cosa cambia nel passaggio fra zona bianca e zona gialla? Non tantissimo, a dire il vero. Permane l'obbligo di mascherina all'aperto che in Campania già esiste per tutti (detentori di Super Green pass o di Green pass base).  Spostamenti tra Regioni e Comuni sono consentiti, non c'è il coprifuoco, né la necessità di l'autocertificazione. Dal 10 gennaio gli spostamenti mediante il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale sono consentiti solo per chi ha il Super Green Pass.

In zona gialla per lavorare basta solo il Green Pass base, a meno che non si abbia un obbligo di vaccinazione. In alberghi, ristoranti e bar c'è obbligo di super green pass. Nei centri commerciali dal 20 gennaio i negozi che erogano servizi alla persona, come parrucchieri, barbieri e centri estetici necessiteranno del Green Pass base. A scuola,  didattica in presenza al 100% per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado. Ecco tutte le altre regole per la zona gialla Covid.

100 CONDIVISIONI
31338 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni